Articolo: Applicazione dei contratti collettivi: controlli ispettivi

approfondimento di Vitantonio Lippolis – Funzionario ispettivo presso la DTL di Modena

 

Estratto dal n. 40/2016 di Diritto & Pratica del Lavoro (Settimanale IPSOA)

Vuoi abbonarti a Diritto & Pratica del Lavoro? Solo per i lettori del sito c’è uno sconto del 10%, basta inserire questo Codice Sconto: 00718-773110 – Scarica un numero omaggio

 

Diritto_pratica_lavoro“Qualora venga accertata l’applicazione da parte  di un datore di lavoro di un contratto collettivo  inadeguato il personale ispettivo lo dovrà considerare inefficace applicando i conseguenti provvedimenti sotto il profilo contributivo e retributivo.
È quanto prevedono due recenti note di prassi (n. 10599 del 24 maggio 2016 e n. 14775 del 26 luglio 2016) per mezzo delle quali il Ministero del lavoro ha fornito, ai propri organi periferici, indicazioni finalizzate ad orientare correttamente l’attività di vigilanza.

Possibili scenari operativi

Esistono varie ipotesi di impropria applicazione, da parte di un datore di lavoro, della contrattazione collettiva che possono concretamente verificarsi.

Fra queste si rammentano:

a) applicazione di contratti sottoscritti da Organizzazioni sindacali che non sono comparativamente più rappresentative sul piano nazionale;

b) applicazione di contratti che, sebbene sottoscritti da Organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, fanno tuttavia riferimento ad ambiti di attività del tutto differenti rispetto a quello in cui opera l’impresa;

c) stipula di accordi di secondo livello privi dei requisiti previsti dall’art. 8, D.L. n. 138/2011 conv. nella legge n. 148/2011;

d) estensione arbitraria dei Contratti di prossimità ai lavoratori assunti presso unità produttive diverse rispetto a quella alla quale il contratto si riferisce.

Queste situazioni comportando, secondo il Dicastero del welfare, una potenziale indebita riduzione del costo del lavoro derivante dal riconoscimento ai lavoratori di trattamenti retributivi e normativi inferiori rispetto a quelli previsti, producono una concorrenza sleale fra gli operatori e sono quindi foriere di fenomeni di dumping contrattuale e sociale……continua la lettura

Vitantonio Lippolis

Autore: Vitantonio Lippolis

Coordinatore delle aree della vigilanza presso l’Ispettorato territoriale del Lavoro di Modena – Relatore nell’ambito di convegni e seminari in materia di diritto del lavoro e legislazione sociale.

Condividi questo articolo su