Articolo: Attività ispettiva in presenza di contratti certificati

approfondimento di Vitantonio Lippolis – coordinatore delle aree della vigilanza presso l’Ispettorato territoriale del Lavoro di Modena

 

Estratto dal n. 25/2018 di Diritto & Pratica del Lavoro (Settimanale IPSOA)

Vuoi abbonarti a Diritto & Pratica del Lavoro? Solo per i lettori del sito c’è uno sconto del 10%, basta inserire questo Codice Sconto: 00718-773110 – Scarica un numero omaggio

 

Diritto_pratica_lavoro“La certificazione non inibisce le verifiche degli ispettori del lavoro. È questa la novità di fondo contenuta nella circolare n. 9 del 1° giugno 2018 per mezzo della quale l’Ispettorato nazionale del lavoro, in parziale discontinuità col passato ed a fronte dell’espansione dell’istituto praticato anche da parte di organismi di dubbia legittimità, detta al personale ispettivo le linee guida da osservare quando ci si trova al cospetto di un contratto di lavoro certificato.

La nota va letta come un evidente cambiamento di rotta rispetto al passato in ragione del fatto che, con la Direttiva del 18 settembre 2008 sui “Servizi ispettivi e attività di vigilanza”, l’allora Ministro del lavoro invitava gli organi di vigilanza a concentrare piuttosto le verifiche sui contratti non sottoposti al vaglio positivo di una delle commissioni di certificazione riconoscendo così, di fatto, a queste strutture un ruolo di controllo istituzionale alternativo e complementare agli stessi organi di vigilanza.”…. continua la lettura

Vitantonio Lippolis

Autore: Vitantonio Lippolis

Coordinatore delle aree della vigilanza presso l’Ispettorato territoriale del Lavoro di Modena – Relatore nell’ambito di convegni e seminari in materia di diritto del lavoro e legislazione sociale.

Condividi questo articolo su