Articolo: Appalti ed esternalizzazioni:ampliata la responsabilità solidale

approfondimento di Vitantonio Lippolis – Responsabile del processo vigilanza presso l’Ispettorato territoriale del lavoro di Modena

Estratto dal n. 2/2020 di Diritto & Pratica del Lavoro (Settimanale IPSOA)

Vuoi abbonarti a Diritto & Pratica del Lavoro? Solo per i lettori del sito c’è uno sconto del 10%, basta inserire questo Codice Sconto: 00718-773110 – Scarica un numero omaggio

 

Diritto_pratica_lavoro“Il regime decadenziale di due anni previsto dall’art. 29, comma 2, D.Lgs. n. 276/2003 non è applicabile all’azione promossa dagli enti previdenziali, soggetti, invece, alla sola prescrizione quinquennale: è quanto afferma l’Ispettorato nazionale  del lavoro che, con la nota n. 9943 del 19 novembre 2019, fornisce   conformi indicazioni al personale ispettivo esortandolo, in tal modo, ad estendere i recuperi contributivi nei confronti dei committenti.

Il regime di responsabilità solidale

Una delle problematiche che caratterizzano in generale l’appalto (ma non solo,  come si dirà meglio nel prosieguo) è quella del regime di responsabilità solidale che caratterizza i vari soggetti coinvolti nella catena: committente, appaltatore ed eventuale  subappaltatore.

La responsabilità solidale che contraddistingue il contratto di appalto, prevede, in pratica che se non paga il datore di lavoro (appaltatore o subappaltatore) paga chi di fatto si avvantaggia della prestazione dei lavoratori impiegati nell’appalto (committente e/o sub committente). Si tratta di una sorta di “garanzia fidejussoria” prevista ex lege a favore dei crediti vantati dai lavoratori e dagli Istituti (Inps, Inail ed eventualmente Cassa edile). ”…continua la lettura

Vitantonio Lippolis

Autore: Vitantonio Lippolis

Coordinatore delle aree della vigilanza presso l’Ispettorato territoriale del Lavoro di Modena – Relatore nell’ambito di convegni e seminari in materia di diritto del lavoro e legislazione sociale.

Condividi questo articolo su