Articolo: Rispetto della contrattazione collettiva e fruizione dei benefici normativi e contributivi

approfondimento di Vitantonio Lippolis – Responsabile del processo vigilanza presso l’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Modena

Estratto dal n. 36/2020 di Diritto & Pratica del Lavoro (Settimanale IPSOA)

Vuoi abbonarti a Diritto & Pratica del Lavoro? Solo per i lettori del sito c’è uno sconto del 10%, basta inserire questo Codice Sconto: DPL10Scarica un numero omaggio

 

Diritto_pratica_lavoro“Sette istituti possono essere regolati esclusivamente dai contratti collettivi “leader”, altri nove, invece, possono essere disciplinati anche da quelli “minoritari” ma, per questi ultimi, il personale ispettivo dovrà comunque verificare l’equivalenza del trattamento con le corrispondenti clausole contenute nei Ccnl “leader”. È quanto prevede la circolare dell’Ispettorato nazionale del lavoro n. 2 del 28 luglio 2020 per mezzo della quale, dopo circa un anno  dalle precedenti indicazioni operative, vengono fornite ulteriori istruzioni al personale ispettivo in merito ai controlli da effettuare sul rispetto della  contrattazione collettiva ai fini della fruizione dei benefici normativi e contributivi.

Così facendo l’Agenzia lancia un ulteriore apprezzabile segnale di contrasto nei confronti dei c.d. contratti “pirata” che, da un lato, comprimono i diritti dei lavoratori e, dall’altro, creano le  condizioni per una concorrenza sleale fra imprese che svolgono analoghe attività.” … continua la lettura

Vitantonio Lippolis

Autore: Vitantonio Lippolis

Coordinatore delle aree della vigilanza presso l’Ispettorato territoriale del Lavoro di Modena – Relatore nell’ambito di convegni e seminari in materia di diritto del lavoro e legislazione sociale.

Condividi questo articolo su