Articolo: Smart working: i passaggi per renderlo strutturale in azienda

approfondimento di Roberto Camera – ideatore e curatore del sito Dottrinalavoro.it

Estratto dal n. 30/2020 di Diritto & Pratica del Lavoro (Settimanale IPSOA)

Vuoi abbonarti a Diritto & Pratica del Lavoro? Solo per i lettori del sito c’è uno sconto del 10%, basta inserire questo Codice Sconto: DPL10Scarica un numero omaggio

 

Diritto_pratica_lavoro“Nei mesi di lockdown abbiamo imparato ad apprezzare il lavoro agile, che ha permesso a molte aziende di continuare l’attività produttiva attraverso il lavoro da remoto di migliaia di lavoratori.

Con la fine del periodo emergenziale, tra le poche cose positive, rimarrà questa esperienza e, in molti casi, ci sarà un  mantenimento, anche se in misura ridotta, di questa modalità di gestione flessibile del lavoratore.

 Per quanto i princìpi di utilizzo del lavoro agile, el periodo appena trascorso, siano stati i medesimi di quelli previsti ordinariamente, il legislatore ha alleggerito alcuni adempimenti, definendo “semplificato” lo smart working emergenziale. Infatti, lo smart working non è una novità, né, tantomeno, è nato durante la pandemia, ma durante questa fase è stato  scoperto da molte aziende che ne hanno apprezzato la flessibilità di utilizzo.

Ora nasce l’esigenza di rivedere le regole del gioco e ricondurle a quelle che sono le modalità ordinarie, affinché il lavoro da remoto possa  continuare con le caratteristiche abituali.

Ricordo che il legislatore, nel periodo emergenziale, ha previsto una serie di agevolazioni all’uso del lavoro agile che possiamo così sintetizzare: ”…continua la lettura

Roberto Camera

Autore: Roberto Camera

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in corsi di formazione e aggiornamento professionale in materia di gestione del personale - ideatore e curatore del sito www.dottrinalavoro.it (ex dplmodena.it) - @CameraRoberto

Condividi questo articolo su