Cassazione: contestazione oltremodo tardiva e licenziamento

CorteSupremaCassazione

Con sentenza n. 2513 del 31 gennaio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato la illegittimità di un licenziamento ove la contestazione disciplinare (rifiuto di un trasferimento) era avvenuta a 15 mesi dal fatto.

Secondo i giudici della Suprema Corte il fatto è da ritenersi insussistente perché ha compromesso il diritto a difesa del lavoratore. Di conseguenza, i giudici hanno ritenuto applicabile la tutela reintegratoria prevista dall’art. 18, comma 4, della legge n. 300/1970, come riformato dalla legge n. 92/2012.

La Redazione

Autore: La Redazione

Condividi questo articolo su