IPSOA QUOTIDIANO: Contratto a termine: 3 regole semplici per aziende e lavoratori

approfondimento di Roberto Camera* – in collaborazione con 

 

“Qualsiasi norma, per essere realmente efficace, deve essere semplice e con una interpretazione univoca. Creare regole complicate o infarcire di limiti un contratto di lavoro può portare, a volte, a raggiungere l’effetto opposto rispetto a quello atteso. E questo, in fondo, è quello che è successo al contratto a tempo determinato.

Negli ultimi anni stiamo notando una crescita progressiva ed inarrestabile di questa tipologia di contratti. Si è passati dai poco più di 4milioni di contratti a termine nel 2015 ai 5milioni e 500mila del 2017 (fonte Inps – Osservatorio sul Precariato gennaio-dicembre 2017). E invece di analizzare i motivi di questa crescita, che sono di natura macro-economica, andiamo ancora una volta ad intervenire sulle regole del gioco, cambiandole e destabilizzando le aziende alle quali manca, da anni, una stabilità della normativa sui contratti di lavoro, tale da poter gestire con tranquillità una globalizzazione che le mette a dura prova rispetto ad altri mercati.

Vogliamo modificare il contratto a termine? Bene, allora facciamolo rendendo le regole semplici e uniformi e limitando l’intervento della contrattazione collettiva che, in questi anni, ha creato una giungla di regole diverse tra settore a settore e tra azienda e azienda.

Facciamolo con 3 regole semplici che diano certezza all’azienda ed al lavoratore sui punti nodali del contratto a termine: durata massima, massimale di utilizzo nell’azienda e costo del lavoro. Ciò anche al fine di rispettare le regole comunitarie (Direttiva 1999/70/CE) che ci impongono la creazione di un quadro normativo per la prevenzione degli abusi derivanti dall’utilizzo di una successione di rapporti di lavoro a tempo determinato.”… continua la lettura

 


* Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza.

Roberto Camera

Autore: Roberto Camera

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in corsi di formazione e aggiornamento professionale in materia di gestione del personale - ideatore e curatore del sito www.dottrinalavoro.it (ex dplmodena.it) - @CameraRoberto

Condividi questo articolo su