Ipsoa Quotidiano: Contratto a termine assistito: quali controlli effettua l’Ispettorato territoriale del lavoro?

approfondimento di Roberto Camera* – in collaborazione con IPSOA Quotidiano

 

“Il datore di lavoro, una volta raggiunto il massimale (legale o contrattuale) di durata per i contratti di lavoro a tempo determinato stipulati con il lavoratore, può sottoscrivere un ulteriore contratto a termine della durata massima di 12 mesi presso l’Ispettorato del lavoro territorialmente competente. L’INL, nella nota n. 8120 del 2019, ha illustrato il tipo di controllo che il funzionario dell’Ispettorato deve fare sulla motivazione addotta dal datore di lavoro per stipulare l’ulteriore contratto a tempo determinato. Il funzionario non potrà entrare nel merito della motivazione esposta nel contratto, ma dovrà limitarsi alla verifica della completezza e della correttezza formale del contenuto del contratto ed alla genuinità del consenso del lavoratore alla sua sottoscrizione. ”

 

continua la lettura dell’articolo

 


* Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza.

Roberto Camera

Autore: Roberto Camera

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in corsi di formazione e aggiornamento professionale in materia di gestione del personale - ideatore e curatore del sito www.dottrinalavoro.it (ex dplmodena.it) - @CameraRoberto

Condividi questo articolo su