IPSOA QUOTIDIANO: Lavoro a tempo determinato: il decreto Dignità segna la fine del precariato?

approfondimento di Roberto Camera* – in collaborazione con 

 

“Dal decreto Dignità arriva la stretta su contratti di lavoro a tempo determinato e somministrazione di lavoro a termine. Durata massima e numero di proroghe ridotti. Costi più elevati per le imprese che vi ricorrono. Queste, in sintesi, le novità più rilevanti. Dalla lettura dell’articolato del decreto legge sembra, però, emergere un assioma alquanto pericoloso: contratto subordinato a tempo determinato e somministrazione a termine uguale a precariato. Ma è proprio vero? O, invece, è più realistico pensare che il vero precariato si può “annidare” negli appalti endo-aziendali, nei tirocini extra-curriculari e nei contratti atipici? “… continua la lettura

 


* Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza.

Roberto Camera

Autore: Roberto Camera

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in corsi di formazione e aggiornamento professionale in materia di gestione del personale - ideatore e curatore del sito www.dottrinalavoro.it (ex dplmodena.it) - @CameraRoberto

Condividi questo articolo su