Ipsoa Quotidiano: Smart working: perché e come elaborare un regolamento aziendale

approfondimento di Roberto Camera* – in collaborazione con IPSOA Quotidiano

 

“Il prossimo 31 luglio terminerà la fase di emergenza da Covid-19. Compito dei datori di lavoro e professionisti sarà traghettare lo smart-working emergenziale in smart-working ordinario, attesi gli innumerevoli vantaggi che il lavoro agile può offrire ad aziende e lavoratori. Laddove se ne voglia prevedere un utilizzo ampio sarà necessario predisporre un regolamento interno (nulla vieta che venga condiviso con i sindacati all’interno di un accordo di secondo livello), ove vengano precisate le regole di gestione della prestazione da remoto. Cosa deve prevedere?  ”

 

continua la lettura dell’articolo

 

 


* Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza.

Roberto Camera

Autore: Roberto Camera

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in corsi di formazione e aggiornamento professionale in materia di gestione del personale - ideatore e curatore del sito www.dottrinalavoro.it (ex dplmodena.it) - @CameraRoberto

Condividi questo articolo su