Ipsoa Quotidiano: Contratti a tempo determinato: quando va indicato il termine

approfondimento di Roberto Camera* – in collaborazione con IPSOA Quotidiano

 

“Nella piena vigenza della legge n. 96/2018 di conversione del decreto Dignità, è utile soffermarsi ad evidenziare le modifiche previste alle regole di gestione dei contratti a tempo determinato.

In particolare, per quanto riguarda le proroghe ammesse durante i rapporti a termine, la costituzione di un ulteriore contratto a tempo determinato in caso di raggiungimento del limite di durata massima (il cosiddetto contratto assistito), l’obbligo della forma scritta per specificare il termine di durata del contratto e l’evidenza circa la modalità di calcolo del contributo addizionale dello 0,50% in caso di rinnovo del contratto a tempo determinato, così come specificato dal Ministero del Lavoro nella circolare n. 17/2018.”… continua la lettura

 


* Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza.

Roberto Camera

Autore: Roberto Camera

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in corsi di formazione e aggiornamento professionale in materia di gestione del personale - ideatore e curatore del sito www.dottrinalavoro.it (ex dplmodena.it) - @CameraRoberto

Condividi questo articolo su