Ipsoa Quotidiano: Lavoro a termine: casi pratici e soluzioni per il datore di lavoro

approfondimento di Roberto Camera* – in collaborazione con IPSOA QuotidianoIPSOA Quotidiano

 

“Il decreto Dignità ha previsto, per il solo contratto a tempo determinato, un periodo transitorio entro il quale varranno le regole previgenti (acausalità, 36 mesi, ecc.).

Il periodo transitorio non si applica, però, a tutti i contratti a termine ordinariamente sottoscritti sino al 31 ottobre 2018 (fine del periodo transitorio), ma soltanto a quei contratti rinnovati rispetto a precedenti rapporti a termine sottoscritti prima della vigenza del decreto legge n. 87/2018: 14 luglio 2018. Inoltre, l’applicazione delle vecchie regole varrà anche per quei contratti iniziati prima del 14 luglio e che dopo tale data vengano prorogati (sempre entro il 31 ottobre 2018). In questa situazione di incertezza, è il caso di verificare le possibili casistiche che le aziende possono trovarsi ad affrontare.

In merito alle novità previste dalla legge Dignità (legge n. 96/2018) si predispone una tabella che sintetizza, in forma schematica, le varie casistiche che si possono venire a realizzare in caso di assunzione di un lavoratore a tempo determinato ovvero in caso di proroga di un contratto a termine già in essere.”… continua la lettura


* Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza.

Roberto Camera

Autore: Roberto Camera

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in corsi di formazione e aggiornamento professionale in materia di gestione del personale - ideatore e curatore del sito www.dottrinalavoro.it (ex dplmodena.it) - @CameraRoberto

Condividi questo articolo su