IPSOA QUOTIDIANO: Licenziamento illegittimo e offerta di conciliazione: attenzione ai nuovi indennizzi

approfondimento di Roberto Camera* – in collaborazione con 

 

“La legge Dignità (legge n. 96/2018) ha previsto, all’articolo 3, una rimodulazione dell’indennità risarcitoria contemplata in caso di verifica, da parte di un giudice, della illegittimità di un licenziamento comminato ad un lavoratore assunto a tempo indeterminato (articolo 3, comma 1, del Decreto Legislativo n. 23/2015) e dell’eventuale offerta conciliativa proposta, volontariamente, dal datore di lavoro al lavoratore licenziato (articolo 6, del Decreto Legislativo n. 23/2015).

Modifiche al Jobs Act

Il decreto legislativo 23/2015, oggetto delle modifiche, è applicabile esclusivamente ai lavoratori in tutela crescente e cioè a quei lavoratori che:
– sono stati assunti dal 7 marzo 2015
– hanno subìto una trasformazione a tempo indeterminato del rapporto di lavoro dal 7 marzo 2015
– sono stati qualificati, da un rapporto di apprendistato, dal 7 marzo 2015.

Le modifiche riguardano esclusivamente l’importo minimo e quello massimo e non l’importo annuale, che rimane fisso alle due o una mensilità (dipende se attiene al valore previsto dall’articolo 3 o dall’articolo 6) dell’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto, per ogni anno di servizio. “… continua la lettura
 


* Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza.

Roberto Camera

Autore: Roberto Camera

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in corsi di formazione e aggiornamento professionale in materia di gestione del personale - ideatore e curatore del sito www.dottrinalavoro.it (ex dplmodena.it) - @CameraRoberto

Condividi questo articolo su