Ipsoa Quotidiano: Lavoratori autonomi occasionali: le 10 FAQ sull’obbligo della comunicazione preventiva

approfondimento di Vitantonio Lippolis* – Responsabile del processo vigilanza presso l’ITL di Modena

 

“A distanza di poche settimane dalla pubblicazione di una precedente nota, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro fornisce chiarimenti in merito al perimetro di applicazione dell’obbligo di comunicazione preventiva dell’avvio dell’attività dei lavoratori autonomi occasionali. Rispondendo a dieci FAQ, vengono individuati i soggetti esclusi dall’obbligo come gli enti del terzo settore, le aziende di vendita diretta a domicilio e le prestazioni di natura intellettuale. Conferma dell’obbligo, invece, per le prestazioni rese da remoto. Occorre ricordare che la comunicazione va effettuata prima dell’inizio della prestazione di lavoro autonomo occasionale. Per le violazioni è prevista l’applicazione della sanzione amministrativa da 500 a 2.500 euro. …. ”

 

continua la lettura dell’articolo

 


* Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza.

Vitantonio Lippolis

Autore: Vitantonio Lippolis

Responsabile del Processo vigilanza presso l’Ispettorato territoriale del lavoro di Modena – Relatore nell’ambito di convegni e seminari in materia di diritto del lavoro e legislazione sociale.

Condividi questo articolo su