Articolo: Le sanzioni nelle nuove prestazioni occasionali

approfondimento di Eufranio Massi per Generazione Vincente

 

Generazione Vincente

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO

“Il 9 agosto 2017, con la circolare n. 5, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito alle proprie articolazioni periferiche le prime indicazioni operative finalizzate a sanzionare i comportamenti di chi usa le nuove prestazioni occasionali previste dall’art. 54-bis della legge n. 96/2017 in modo difforme da quanto previsto dalla norma.

Ho avuto, già, più volte, l’occasione per esaminare ampiamente la nuova normativa e, quindi, non starò a ripetere quanto già detto in precedenti occasioni: mi soffermerò unicamente, invece, su quanto la nota dell’INL, afferma in ordine alla tracciabilità ed all’apparato sanzionatorio perchè, a mio avviso, pur trattandosi di “prime indicazioni” che postulano “successivi approfondimenti”, peraltro preannunciati, si poteva dire qualcosa in più e, soprattutto, meglio.

Ma, andiamo con ordine.

Dopo aver ricordato che le prestazioni sono tracciate attraverso una apposita comunicazione da inviare alla piattaforma informatica dell’INPS, direttamente o con l’ausilio di professionisti “ex lege” n. 12/1979 o patronati (questi ultimi soltanto per le famiglie), utilizzando anche i centri di contatto predisposti dall’Istituto, la nota dell’Ispettorato, afferma, a chiare note, anche perché il concetto è ripetuto in un passaggio successivo, che tale obbligo non riguarda la Pubblica Amministrazione..”….continua la lettura

 

Vai alla pagina delle Prestazioni Occasionali

Eufranio Massi

Autore: Eufranio Massi

esperto in Diritto del Lavoro – relatore a corsi di formazione in materia di lavoro

Condividi questo articolo su