Articolo: Vademecum esonero contributivo triennale giovani

approfondimento di Roberto Camera – Funzionario dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro

 

Estratto dal n. 13/2018 di Diritto & Pratica del Lavoro (Settimanale IPSOA)

Vuoi abbonarti a Diritto & Pratica del Lavoro? Solo per i lettori del sito c’è uno sconto del 10%, basta inserire questo Codice Sconto: 00718-773110 – Scarica un numero omaggio

 

Diritto_pratica_lavoro“Dal 1° gennaio 2018 è possibile assumere, a tempo indeterminato, giovani con una agevolazione del 50% sui contributi  previdenziali a carico del datore di lavoro, per una durata massima di 36 mesi. Detto incentivo, a differenza di quelli del recente passato (2015 e 2016), non prevede una scadenza, per cui sarà utilizzabile per i prossimi anni a venire. Altre novità rispetto al  passato sono  i requisiti soggettivi in capo al giovane da assumere; in particolare, l’età del ragazzo, che per il 2018, non potrà  essere superiore ai 34 anni ed il fatto che il giovane non deve aver avuto precedenti rapporti a tempo indeterminato con il  medesimo o con altro datore di lavoro.

Proprio in virtù della presenza di una serie di regole prescritte dal legislatore e dei chiarimenti pervenuti dall’Inps, con la  circolare n. 40 del 2 marzo 2018, è utile riepilogare le caratteristiche ed i requisiti del beneficio statale.”…continua la lettura

Roberto Camera

Autore: Roberto Camera

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in corsi di formazione e aggiornamento professionale in materia di gestione del personale - curatore del sito www.dottrinalavoro.it - @CameraRoberto

Condividi questo articolo su