INL: la somministrazione fraudolenta – indicazioni operative

inl

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha emanato la circolare n. 3 dell’11 febbraio 2019, con la quale fornisce alcuni chiarimenti in merito alla somministrazione fraudolenta, prevista dall’articolo 38-bis del Decreto Legislativo 81/2015.

La somministrazione fraudolenta si realizza allorquando viene posta in essere una somministrazione di lavoro con la specifica finalità di eludere norme inderogabili di legge o di contratto collettivo. L’illecito è punito con la sanzione penale dell’ammenda di 20 euro per ciascun lavoratore coinvolto e per ciascun giorno di somministrazione.

 

Appalto illecito e somministrazione fraudolenta

il ricorso ad un appalto illecito – e quindi alla somministrazione di lavoro in assenza dei requisiti di legge – già costituisce, di per sé, elemento sintomatico di una finalità fraudolenta, che il Legislatore ha inteso individuare nella elusione di “norme inderogabili di legge o di contratto collettivo applicate al lavoratore”.

Tali norme possono individuarsi, a titolo esemplificativo, in quelle che stabiliscono la determinazione degli imponibili contributivi (art. 1, comma 1, del D.L. 338/1989) o, più  direttamente, in quelle che introducono divieti alla somministrazione di lavoro (art. 32, D.Lgs. n. 81/2015) o prevedono determinati requisiti per la stipula del contratto (art. 32, D.Lgs. n. 81/2015) o, ancora, specifici limiti alla somministrazione (artt. 31 e 33 del D.Lgs. n. 81/2015).

A fronte dell’utilizzo illecito dello schema negoziale dell’appalto, il conseguimento di effettivi risparmi sul costo del lavoro derivanti dalla applicazione del trattamento retributivo  previsto dal CCNL dall’appaltatore e dal connesso minore imponibile contributivo, così come una accertata elusione dei divieti posti dalle disposizioni in materia di somministrazione, risulta sicuramente sufficiente a dimostrare quell’idoneità dell’azione antigiuridica che disvela l’intento fraudolento.

 

Somministrazione fraudolenta al di fuori dei casi di appalto illecito
Il reato di somministrazione fraudolenta può realizzarsi anche al di fuori di una ipotesi di pseudo appalto, addirittura coinvolgendo agenzie di somministrazione autorizzate, oppure nell’ambito di distacchi di personale che comportino una elusione della disciplina di cui all’art. 30, D.Lgs. n. 276/2003 ovvero ipotesi di distacco transnazionale “non autentico” ai sensi dell’art. 3, D.Lgs. n. 136/2016.

A titolo esemplificativo, potrà ravvisarsi una somministrazione fraudolenta nelle ipotesi in cui un datore di lavoro licenzi un proprio dipendente per riutilizzarlo tramite agenzia di somministrazione, violando norme di legge o di contratto collettivo.

È questa, del resto, una delle ipotesi che l’esperienza ispettiva ha frequentemente evidenziato e che ha trovato una forte diffusione in ragione di evidenti risparmi retributivi e/o contributivi in capo all’utilizzatore ed a scapito dei lavoratori.

In ogni caso, qualora la somministrazione fraudolenta si realizzi per il tramite di una agenzia autorizzata, è indubbio che la prova in ordine alla “specifica finalità” prevista dall’art. 38 bis debba essere più rigorosa.

 

Sanzioni
Nelle ipotesi di appalto e distacco illecito, con riferimento ai quali siano rinvenuti gli elementi della fraudolenza, il personale ispettivo dovrà contestare la violazione amministrativa di cui all’articolo 18 del D.Lgs. n. 276/2003 (non è ammessa la procedura di diffida) e dovrà altresì adottare la prescrizione obbligatoria volta a far cessare la condotta antigiuridica attraverso l’assunzione dei lavoratori alle dirette dipendenze dell’utilizzatore per tutta la durata del contratto.

Il calcolo delle giornate, effettuato ai fini della determinazione della sanzione amministrativa, avrà rilevanza anche ai fini della determinazione dell’importo dell’ammenda di cui all’art. 38 bis laddove, evidentemente, le eventuali discordanze non siano legate ai tempi di entrata in vigore del reato.

Sarà, infine, possibile adottare il provvedimento di diffida accertativa ex art. 12 del D.Lgs. n. 124/2004 nei confronti del committente/utilizzatore, sulla scorta del CCNL da quest’ultimo applicat e di prescrizione obbligatoria. A tal fine, del resto, non appare ostativa la previsione di cui al comma 3 bis dell’art. 29 che si riferisce espressamente alle ipotesi di appalto non genuino di cui al comma 1 e non anche alla fattispecie di cui all’art. 38 bis del D.Lgs. n. 81/2015.

Infine, nel caso in cui l’intento fraudolento sia ravvisato in ipotesi di somministrazione conforme alle disposizioni normative (art. 4 D.Lgs. n. 276/2003 e artt. 31, commi 1 e 2, 32 e 33, comma 1, lettere a), b), c) e d), del D.Lgs. 81/2015), troverà applicazione esclusivamente la sanzione di cui all’art. 38 bis del decreto 81, con conseguente adozione della prescrizione obbligatoria e del provvedimento di diffida accertativa nei confronti dell’utilizzatore.

Appare altresì possibile applicare il disposto di cui all’art. 38, comma 2, del D.Lgs. n. 81/2015 (e 29, comma 3 bis, del D.Lgs. n. 276/2003) relativo alla possibilità di imputare tutti gli atti compiuti dal somministratore/appaltatore per la costituzione o la gestione del rapporto all’utilizzatore/committente, atteso che anche nell’ipotesi di somministrazione   fraudolenta ricorrono le medesime circostanze di fatto (ovvero comunicazione e registrazioni effettuate dal datore di lavoro formale).

Infine, anche nell’ipotesi di distacco transnazionale “non autentico” troverà applicazione la sanzione dell’art. 38 bis del D.Lgs. n. 81/2015, nella misura in cui il distacco, come talvolta avviene, sia funzionale all’elusione delle disposizioni dell’ordinamento interno e/o del contratto collettivo applicato dal committente italiano.

In particolare, perché si possa configurare la violazione dell’art. 38 bis, non è sufficiente accertare che la condotta abbia prodotto effetti sotto il profilo della applicazione elusiva del regime previdenziale straniero, ma è necessario altresì accertare la violazione degli obblighi delle condizioni di lavoro ed occupazione di cui all’art. 4 del D.Lgs. n. 136/2016.

Va, inoltre, considerato che la natura non genuina del distacco transnazionale comporta – ai sensi dell’art. 3, comma 4, del D.Lgs. n. 136/2016 – l’imputazione del lavoratore in capo al soggetto che ne ha utilizzato la prestazione, fatti salvi gli effetti sotto il profilo contributivo connessi al disconoscimento dell’A1.

Nonostante ciò, ai fini sanzionatori, il personale ispettivo impartirà la prescrizione in virtù del disposto generale dall’art. 15 del D.Lgs. n. 124/2004 che avrà ad oggetto la  cessazione della condotta antigiuridica.

 

Regime intertemporale

La natura permanente dell’illecito, comporta che l’offesa al bene giuridico si protrae per tutta la durata della somministrazione fraudolenta, coincidendo la sua consumazione con la cessazione della condotta la quale assume rilevanza sia ai fini della individuazione della norma applicabile, sia ai fini della decorrenza del termine di prescrizione.

Pertanto le condotte di somministrazione fraudolenta che abbiano  avuto inizio prima del 12 agosto 2018 e che si siano protratte successivamente a tale data, il reato di cui all’art. 38 bis del D.Lgs. n. 81/2015 si configura solo a decorrere dal 12 agosto 2018, con conseguente commisurazione della relativa sanzione per le sole giornate successive a tale data.

Per il periodo precedente al 12 agosto 2018, resta invece ferma l’applicazione in via esclusiva delle sanzioni di cui all’art. 18 del D.Lgs. n. 276/2003.

 

 

Articolo 38-bis

Ferme restando le sanzioni di cui all’articolo 18 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, quando la somministrazione di lavoro e’ posta in essere con la specifica finalita’ di eludere norme inderogabili di legge o di contratto collettivo applicate al lavoratore, il somministratore e l’utilizzatore sono puniti con la pena dell’ammenda di 20 euro per ciascun lavoratore coinvolto e per ciascun giorno di somministrazione.

 

Fonte: Ispettorato Nazionale del Lavoro

 


 

annodata tipoOggetto
20199/108716notaComunicazione delle “chiamate” dei lavoratori intermittenti – chiarimenti
201917/098120notaRequisiti per la stipula del contratto a termine assistito
201911/097966notaAutorizzazione per impiego di minori dello spettacolo – chiarimenti
201911/097964notaAggravante sanzionatoria nelle ipotesi di impiego di lavoratori beneficiari del RDC
201910/099circolareRispetto della contrattazione collettiva e benefici normativi e contributivi
201912/087401notaRestituzione della somma versata per la revoca della sospensione dell’attività imprenditoriale
201901/08622notaVademecum vigilanza sul distacco transnazionale
201924/078circolareVerifiche sui percettori di RdC che lavorano “in nero”
201905/065320notaInformazioni sui percettori di RdC
201930/055066lettera circolareDiffida accertativa e procedure di conciliazione
201906/057circolareBenefici normativi e contributivi e rispetto della contrattazione collettiva
201919/043862notaIniziative di contrasto agli appalti illeciti – certificazione dei relativi contratti
201903/046circolareOperatori soccorso alpino e speleologico – novità introdotte dal D.L. n. 87/2018
201914/032594notaMaggiorazioni sanzioni – indicazioni operative - collegato a -> (cir. n. 2/2019) - (nota n. 1148/2019)
201928/025circolareIntermediazione illecita e sfruttamento del lavoro – Linee guida
201925/021881lettera circolareImpianti di videosorveglianza e modifica degli assetti aziendali (es. fusioni, incorporazioni, affitto d’azienda o di ramo d’azienda)
201914/021438notaLavoro notturno – calcolo dell’orario medio
201911/024circolareVerbalizzazione accertamenti ispettivi
201911/023circolareLa somministrazione fraudolenta – indicazioni operative
201907/021214notaContratto a termine assistito presso l'Ispettorato del lavoro
201905/021148notaMaggiorazioni delle sanzioni - ulteriori chiarimenti
201914/012circolareLegge di bilancio 2019 – chiarimenti sulle maggiorazioni delle sanzioni
201914/011circolareVerbalizzazione accertamenti – indicazioni sulla corretta individuazione dei mezzi di impugnazione
201809/119294notaSanzione per retribuzioni pagate senza strumenti tracciabili e lavoro “nero”
201810/097369notaVerifica ispettiva sull’effettività dei pagamenti con strumenti tracciabili
201801/086696notaDistacco dei lavoratori e impiego in operazione di cabotaggio
201826/0711circolareChiarimenti sulle sanzioni in materia di orario di lavoro
201811/0710circolareAppalto illecito ed inadempienze retributive e contributive – indicazioni agli organi di vigilanza
201804/075828notaSanzioni in caso di pagamento delle retribuzioni in contanti
201822/06314lettera circolareSanzioni in materia di salute e sicurezza- indicazioni per gli ispettori
201818/06302lettera circolareControllo a distanza - indicazioni operative sul rilascio dei provvedimenti autorizzativi
201801/069circolareAttività ispettiva in presenza di contratti certificati – indicazioni operativa per gli ispettori del lavoro
201822/054538notaProcedure di contestazione della violazione all’erogazione di retribuzione tramite mezzi tracciabili
201818/048circolareTirocini – verifiche sulla genuinità della formazione
201829/037circolareContratto di rete – regole sul distacco e la codatorialità
201829/036circolareSolidarietà dell’articolo 29 anche per i rapporti di subfornitura
201815/0350lettera circolareCollaboratori familiari nei settori dell'artigianato, dell'agricoltura e del commercio
201815/0349lettera circolareLavoro intermittente e assenza del DVR – riqualificazione rapporto di lavoro
201819/025circolareChiarimenti in ordine all’installazione e l’utilizzazione di impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo
201815/0232nota congiuntaAdempimenti di lavoro – obbligo di comunicazione per avvocati e dottori commercialisti
201812/024circolareCertificazione dei contratti – Enti Bilaterali abilitati
201825/013circolareMancata applicazione del CCNL – attività di vigilanza
201825/012circolareNovità in materia di Lavoro contenute nella Legge di Bilancio 2018
201812/01290notaCompatibilità tra Apprendistato e Distacco
201811/011circolareSvolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi
201712/1012lettera circolareChiarimenti sulle sanzioni da applicare in caso di omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori
201727/098465notaGiurisdizione applicabile alle controversie dei dipendenti delle compagnie aeree
201725/098376notaRilevanza penale dell’illecito di omesso versamento delle ritenute previdenziali
201721/087427notaCalcolo delle sanzioni nelle Prestazioni Occasionali
201709/085circolareRegime sanzionatorio nelle Prestazioni Occasionali
201726/074circolareVideosorveglianza – installazione e utilizzo di software da parte di call center
201718/073circolareAttività di vigilanza – recupero benefici “normativi e contributivi”
201721/065617 notaSomministrazione illecita di domestici – non punibile la famiglia
201705/064833notaDistacco transnazionale di lavoratori – ulteriori chiarimenti
201724/054619notaChiarimenti in materia di video sorveglianza
201719/043464notaCondizioni di ingresso di cittadini extraUE per lavoro stagionale e per trasferimenti intra-societari
201723/032283notaAssunzione disabile – sanzione diffida e termini per adempiere
201727/03103notaAttività di vigilanza – profili previdenziali e assicurativi
201722/022/2017lettera circolareChiarimenti organizzativi sull’attività di vigilanza
201709/021/2017lettera circolareModalità di tenuta della documentazione dei cronotachigrafi
201725/012circolareProfili logistici, di coordinamento e di programmazione dell’attività di vigilanza
201710/011circolareDistacco transnazionale di lavoratori – indicazioni operative al personale ispettivo
201629/124circolareRicorsi amministrativi avverso atti di accertamento in materia di lavoro – la nuova procedura
201622/123circolareComunicazione preventiva di Distacco Transnazionale di lavoratori in Italia
201607/112circolareChiarimenti sull’installazione e l'utilizzo di impianti GPS e procedura autorizzatoria
201617/101circolareLavoro Accessorio – chiarimenti sulla comunicazione all'Ispettorato del Lavoro
La Redazione

Autore: La Redazione

Condividi questo articolo su