INL: D.L.vo 105/2022 – conciliazione vita-lavoro e congedi parentali: sistema sanzionatorio

La Direzione Centrale Coordinamento Giuridico, dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), ha emanato la nota n. 2414 del 6 dicembre 2022, con la quale fornisce alcuni chiarimenti in merito alla corretta applicazione ed ai profili di carattere sanzionatorio della disciplina contenuta nel D.Lgs. n. 105/2022 che, nel modificare, fra l’altro, il D.Lgs. n. 151/2001 e la L. n. 104/1992, ha introdotto misure dirette a realizzare un migliore contemperamento tra l’attività lavorativa e professionale e la vita familiare dei genitori e dei prestatori di assistenza (c.d. caregiver familiari), nonché una più equa condivisione tra uomini e donne delle responsabilità di cura e la parità di genere in ambito lavorativo e familiare.

 

I chiarimenti dell’Ispettorato del Lavoro

Congedo di paternità

L’art. 27-bis del D.Lgs. n. 151/2001, introdotto dall’art. 2, comma 1 lett. c), del D.Lgs. n. 105/2022, disciplina il “congedo di paternità obbligatorio”, riconosciuto al padre lavoratore dipendente per un periodo di 10 giorni lavorativi (20 in caso di parto plurimo) e con corresponsione di una indennità giornaliera pari al 100% della retribuzione (v. art. 29, D.Lgs. n. 151/2001). Le giornate di congedo non sono frazionabili a ore e possono essere utilizzate anche in via non continuativa nell’arco temporale intercorrente tra i 2 mesi precedenti la data presunta del parto e i 5 mesi successivi.

Tali giorni sono fruibili anche durante il congedo di maternità della madre lavoratrice e sono riconosciuti anche al padre che fruisce del congedo di paternità alternativo di cui all’art. 28 del D.Lgs. n. 151/2001.

Il datore di lavoro è tenuto al riconoscimento del congedo richiesto dal lavoratore – da ciò la sua obbligatorietà – nei modi previsti dal comma 6 dello stesso 27-bis (comunicazione in forma scritta al datore di lavoro dei giorni in cui si intende fruire del congedo, anche attraverso “l’utilizzo, ove presente, del sistema informativo aziendale per la richiesta e la gestione delle assenze”, con un anticipo non minore di cinque giorni, ove possibile in relazione all’evento nascita, sulla base della data presunta del parto e fatte salve le condizioni di miglior favore previste dalla contrattazione collettiva).

Sotto il profilo sanzionatorio il legislatore ha introdotto il nuovo art. 31-bis del D.Lgs. n. 151/2001 prevedendo che “il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio dei diritti di assenza dal lavoro di cui all’articolo 27-bis sono puniti con la sanzione amministrativa da euro 516 a euro 2.582 e, ove rilevati nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’articolo 46-bis del decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, o di analoghe certificazioni previste dalle regioni e dalle province autonome nei rispettivi ordinamenti, impediscono al datore di lavoro il conseguimento delle stesse certificazioni”.

Sul punto va evidenziata dunque la necessità di verificare, sul piano degli accertamenti ispettivi e in relazione alla mancata fruizione del congedo da parte del lavoratore, un eventuale comportamento datoriale che ne ostacoli la fruizione. Al riguardo non può ritenersi di ostacolo la richiesta datoriale di fruire del congedo in tempi compatibili con il preavviso di cinque giorni stabilito dal legislatore, a meno che un eventuale parto anticipato rispetto alla data presunta non consenta al lavoratore di rispettare il preavviso e ferme restando le condizioni di miglior favore previste dalla contrattazione collettiva.

Va altresì evidenziata la diffidabilità della violazione ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. n. 124/2004, laddove il congedo sia evidentemente ancora fruibile.

 

Congedo di paternità alternativo

Le nuove disposizioni confermano il contenuto dell’art. 28 del D.Lgs. n. 151/2001 relativo alle tutele ed alle garanzie concernenti il congedo di paternità riconosciuto al padre in sostituzione della madre in presenza di situazioni particolarmente gravi, ora rubricato “congedo di paternità alternativo” (cfr. art. 2, comma 1 lett. d), D.Lgs. n. 105/2022).

Ai sensi del successivo comma 2 del già citato articolo 31-bis, il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio dei diritti di assenza dal lavoro di cui all’art. 28 del D.Lgs. n. 151/2001 è punito con le sanzioni previste dall’art. 18 del medesimo D.Lgs. n. 151/2001. Tale ultima disposizione prevede anzitutto la sanzione penale dell’arresto fino a sei mesi per poi stabilire, come modificato dall’art. 2, comma 1 lett. b), del D.Lgs. n. 105/2022, che il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio dei diritti di assenza dal lavoro, ove rilevati nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’art. 46-bis del D.Lgs. n. 198/2006 o di analoghe certificazioni previste dalle Regioni e dalle Province autonome nei rispettivi ordinamenti, impediscono al datore di lavoro il conseguimento delle stesse certificazioni.

 

Divieto di licenziamento

A seguito dell’introduzione delle modifiche al congedo di paternità, il divieto di licenziamento di cui all’art. 54 del D.Lgs. n. 151/2001 trova applicazione anche nei confronti del padre lavoratore nell’ipotesi in cui quest’ultimo abbia fruito degli istituti di cui agli artt. 27-bis (congedo di paternità obbligatorio) e 28 (congedo di paternità alternativo) e si estende fino al compimento di un anno di età del bambino.

L’inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 54 cit. è punita con la sanzione amministrativa da euro 1.032 ad euro 2.582, non è ammesso il pagamento in misura ridotta di cui all’art. 16 della L. n. 689/1981 e inoltre, ove rilevata nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’art. 46-bis del D.Lgs. n. 198/2006 o di analoghe certificazioni previste dalle Regioni e dalle Province autonome nei rispettivi ordinamenti, impedisce al datore di lavoro il conseguimento delle stesse certificazioni.

 

Diritto al rientro e alla conservazione del posto

Non sono state introdotte modifiche nel corpo dell’art. 56 del D.Lgs. n. 151/2001, recante la disciplina del “diritto al rientro e alla conservazione del posto”, salvo per quanto concerne il regime sanzionatorio. L’inosservanza delle disposizioni contenute nell’articolo è infatti punita con le sanzioni di cui all’art. 54, comma 8, del D.Lgs. n. 151/2001 – ossia con la sanzione amministrativa da euro 1.032 ad euro 2.582 e, ove la violazione sia rilevata nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere, la stessa non può essere conseguita – e non è ammesso il pagamento in misura ridotta di cui all’art. 16 della L. n. 689/1981.

 

Riposi, permessi e congedi

Il D.Lgs. n. 105/2022 ha altresì modificato l’impianto sanzionatorio di cui all’art. 46 D.Lgs. n. 151/2011, estendendo la sanzione amministrativa da euro 516 a euro 2.582, già prevista per le ipotesi di inosservanza delle disposizioni relative ai riposi giornalieri del padre e della madre contenuti negli artt. da 39 a 41, del D.Lgs. n. 151/2001, anche a quelle concernenti i riposi e permessi per i figli con handicap grave (art. 42), l’assegnazione temporanea dei lavoratori dipendenti alle amministrazioni pubbliche (art. 42-bis) ed i riposi giornalieri del padre e della madre in caso di adozione e affidamento (art. 45).

Inoltre, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio dei diritti di cui agli articoli citati, ove rilevati nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’art. 46-bis del D.Lgs. n. 198/2006 o di analoghe certificazioni previste dalle Regioni e dalle Province autonome nei rispettivi ordinamenti, impediscono al datore di lavoro il conseguimento delle stesse certificazioni

 

Riposi e permessi per i figli con grave disabilità

Ai fini della fruizione dei riposi e dei permessi per i figli con grave disabilità ai sensi della L. n. 104/1992, si evidenzia come anche l’art. 42 del D.Lgs. n. 151/2001 sia stato oggetto di modifiche, in quanto al coniuge convivente sono equiparati la parte di un’unione civile ed il convivente di fatto di cui all’art. 1, commi 20 e 36, della L. n. 76/2016, anche per il caso in cui la convivenza sia iniziata successivamente alla richiesta di congedo.

 

Divieto di discriminazione

L’art. 3, comma 1 lett. a), del D.Lgs. n. 105/2022 ha introdotto l’art. 2-bis della L. n. 104/1992 che sancisce il divieto di discriminare o riservare un trattamento meno favorevole ai lavoratori che chiedono o usufruiscono dei benefici di cui al citato art. 42 nonché dei benefici di cui all’art. 33 della stessa L. n. 104/1992, agli artt. 33 e 42 del D.Lgs. n. 151/2001, all’art. 18, comma 3-bis, della L. n. 81/2017 e all’art. 8 del D.Lgs. n. 81/2015, nonché di ogni altro beneficio concesso ai lavoratori medesimi in relazione alla condizione di disabilità propria o di coloro ai quali viene prestata assistenza e cura.

Chi intende agire in giudizio per il riconoscimento della sussistenza di una ipotesi di discriminazione e non ritiene di avvalersi delle procedure di conciliazione previste dai contratti collettivi può promuovere il tentativo di conciliazione ai sensi dell’art. 410 c.p.c.

 

Congedi parentali e assistenza ai figli

Il D.Lgs. n. 105/2022 è intervenuto anche sugli artt. 32 ss. del D.Lgs. n. 151/2001, apportando modifiche in materia di congedi parentali su aspetti concernenti fra l’altro:

  • l’età del figlio (estendendo al compimento dei 12 anni di età il periodo di tempo entro cui è possibile percepire l’indennità riconosciuta prima solo fino a 6 anni);
  • la durata del congedo (innalzando da 10 a 11 mesi il periodo di fruizione dell’istituto nel caso di un solo genitore o di un affidamento esclusivo del figlio);
  • la disciplina dell’indennità (pari al 30% della retribuzione sia per i 3 mesi di congedo spettanti a ciascun genitore e non trasferibili dall’uno all’altro, sia per l’ulteriore periodo di 3 mesi suddivisibile tra i genitori a loro discrezione sia, infine, per i 9 mesi ora spettanti al genitore solo);
  • l’incidenza dei congedi su altri istituti (i periodi di congedo parentale sono computati nell’anzianità di servizio e non comportano riduzione di ferie, riposi, tredicesima mensilità o gratifica natalizia, ad eccezione degli emolumenti accessori connessi all’effettiva presenza in servizio, salvo quanto diversamente previsto dalla contrattazione collettiva).

Restano ferme le sanzioni già previste in materia di congedi parentali dall’art. 38 del D.Lgs. n. 151/2001, secondo cui il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio dei diritti di assenza dal lavoro in questione sono puniti con la sanzione amministrativa da euro 516 a euro 2.582. A questo si aggiunge tuttavia l’ulteriore previsione secondo cui, ove rilevate nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’art. 46-bis del D.Lgs. n. 198/2006 o di analoghe certificazioni previste dalle Regioni e dalle Province autonome nei rispettivi ordinamenti, tali condotte impediscono al datore di lavoro il conseguimento delle stesse certificazioni.

 

Permessi per assistere persona con disabilità ex art. 33, commi 2 e 3, L. n. 104/1992

L’art. 3 del D.Lgs. n. 105/2022 apporta modifica anche all’art. 33, commi 2 e 3, della L. n. 104/1992, prevedendo, fra le altre cose che la fruizione, da parte del lavoratore di 3 giorni di permesso mensile retribuito per assistere una persona con disabilità in situazione di gravità, competa al coniuge, a chi è parte di un’unione civile, al convivente di fatto, nonché al parente o affine entro il secondo grado.

Ai sensi del comma 7-ter, introdotto al citato art. 33, nelle ipotesi di rifiuto, opposizione o ostacolo all’esercizio dei diritti elencati nello stesso articolo, ove rilevati nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’art. 46-bis del D.Lgs. n. 198/2006 o di analoghe certificazioni, trova applicazione la misura interdittiva del mancato conseguimento delle certificazioni stesse da parte del datore di lavoro.

 

Novità in materia di lavoro agile

Le nuove norme introdotte con il D.Lgs. n. 105/2022 alla L. n. 81/2017 hanno modificato, fra l’altro, l’art. 18, comma 3-bis, ai sensi del quale sono disciplinati i criteri di prelazione per la concessione del lavoro agile.

A decorrere dal 13 agosto 2022, pertanto, la priorità è estesa:

  • alle lavoratrici e ai lavoratori con figli fino a dodici anni di età o senza alcun limite di età nel caso di figli in condizioni di disabilità ai sensi dell’art. 3, comma 3, della n. 104/1992 (sul punto si rinvia altresì anche all’art. 23-bis del D.L. n. 115/2022, introdotto in sede di conversione dalla L. n. 142/2022 recante la “proroga del lavoro agile per i lavoratori fragili e i genitori lavoratori con figli minori di anni 14”);
  • ai lavoratori con disabilità in situazione di gravità accertata ai sensi dell’art. 4, comma 1, della n. 104/1992 o che siano caregivers ai sensi dell’art. 1, comma 255, della L. n. 205/2017.

Al fine di prevenire condotte discriminatorie, è fatto divieto di sanzionare, demansionare, licenziare, trasferire o sottoporre a modalità organizzativa con effetti negativi (diretti o indiretti) sulle condizioni di lavoro i lavoratori che intendano ricorrere al lavoro agile, tant’è che ogni misura adottata in violazione della nuova disciplina è nulla.

Resta fermo il divieto di discriminazione di cui all’art. 2-bis, della L. n. 104/1992, introdotto dall’art.  3, comma 1 lett. a), del D.Lgs. 105/2022.

Il D.Lgs. n. 105/2022 ha inoltre previsto anche in tal caso che il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo alla fruizione del lavoro agile, secondo quanto disposto dal comma 3-bis di cui si è detto, ove rilevati nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’art. 46-bis del D.Lgs. n. 198/2006 o di analoghe certificazioni previste dalle Regioni e dalle Province autonome nei rispettivi ordinamenti, impediscono al datore di lavoro il conseguimento delle stesse certificazioni.

 

Lavoro part-time

In forza delle modifiche apportate all’art. 8 del D.Lgs. n. 81/2015 la novella estende ai soggetti che siano parte delle unioni civili e delle convivenze di fatto il diritto alla trasformazione del contratto di lavoro dipendente da tempo pieno a tempo parziale, in particolare in caso di patologie oncologiche o gravi patologie cronico- degenerative ingravescenti riguardanti il coniuge o l’altra parte dell’un’unione civile o il convivente di fatto, i figli o i genitori del lavoratore o della lavoratrice, nonché nel caso di assistenza a persona convivente con totale e permanente inabilità lavorativa con connotazione di gravità ai sensi dell’art. 3, comma 3, della L. n. 104/1992, che abbia necessità di assistenza continua in quanto non in grado di compiere gli atti quotidiani della vita.

Nei casi di richiesta di trasformazione del contratto, il lavoratore o la lavoratrice non può essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito o sottoposto ad altra misura organizzativa avente effetti negativi, diretti o indiretti, sulle condizioni di lavoro. Qualunque misura adottata in violazione di quanto sopra, da considerare ritorsiva o discriminatoria, è nulla (art. 8, comma 5-bis, D.Lgs. n. 81/2015).

Resta fermo il divieto di discriminazione di cui all’art. 2-bis, della L. n. 104/1992, introdotto dall’art.  3, comma 1 lett. a), del D.Lgs. n. 105/2022.

Anche nei casi di rifiuto, opposizione e ostacolo alla fruizione del sopra citato diritto alla trasformazione del contratto, rilevati nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’art. 46-bis del D.Lgs. n. 198/2006 o di analoghe certificazioni, sarà impedito al datore di lavoro il conseguimento delle stesse (art. 8, comma 5-ter, D.Lgs. n. 81/2015).

 

Congedi per eventi e cause particolari ex art. 4, L. n. 53/2000

Con l’art. 6 del D.Lgs. n. 105/2022 sono state inoltre apportate modifiche all’art. 4 della L. n. 53/2000, concernente congedi per eventi e cause particolari introducendo, anche in tale ipotesi, la “misura interdittiva” ai sensi della quale il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio dei diritti di assenza dal lavoro di cui al citato articolo, rilevati nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’art. 46- bis del D.Lgs. n. 198/2006 o di analoghe certificazioni impediscono al datore di lavoro il conseguimento delle stesse (cfr. comma 4 ter).

 

Regime intertemporale

Le novità introdotte in materia di congedo obbligatorio di paternità rendono opportuna una precisazione in relazione al regime intertemporale, in particolare per quanto attiene l’applicabilità delle tutele di cui agli artt. 54 e 55 del novellato D.Lgs. n. 151/2001 per i congedi fruiti a cavallo dell’entrata in vigore della nuova disciplina.

Al riguardo, tenuto conto che l’evento nascita e la fruizione del congedo da parte del lavoratore padre costituiscono elementi essenziali per l’individuazione del regime normativo applicabile, si ritiene che le tutele previste rispettivamente dall’art. 54, comma 7 (divieto di licenziamento) e dall’art. 55, comma 2 (indennità di mancato preavviso in caso di dimissioni) trovino applicazione anche nei casi in cui la nascita sia avvenuta prima del 13 agosto 2022, a condizione che il congedo di paternità di cui all’art. 4, comma 24, della L. 92/2012 e ss. mm. poi “confluito” nell’art. 27-bis del D.Lgs. n. 151/2001 sia stato fruito anche solo parzialmente dopo tale data.

 

la nota n. 2414 del 6 dicembre 2022

 

 

FATTISPECIE RIFERIMENTO SANZIONE SANZIONE
congedo obbligatorio del padre (art. 27-bis, D.Lgs. n. 151/2001) art. 31-bis, comma 1, D.Lgs. n. 151/2001 Il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio dei diritti di assenza dal lavoro di cui all’articolo 27-bis sono puniti con la sanzione amministrativa da euro 516 a euro 2.582 e, ove rilevati nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’articolo 46-bis del decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, o di analoghe certificazioni previste dalle regioni e dalle province autonome nei rispettivi ordinamenti, impediscono al datore di lavoro il conseguimento delle stesse certificazioni
congedo di paternità alternativo (art. 28, D.Lgs. n. 151/2001) art. 31-bis, comma 2, e art. 18 D.Lgs. n. 151/2001 Il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio dei diritti di assenza dal lavoro di cui all’articolo 28 è punito con le sanzioni previste all’articolo 18 che prevede la sanzione penale dell’arresto fino a sei mesi nonché il mancato conseguimento per il datore di lavoro della certificazione della parità di genere di cui all’articolo 46-bis del decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, o di analoghe certificazioni previste dalle Regioni e dalle Province autonome nei rispettivi ordinamenti
divieto di licenziamento (art. 54, D.Lgs. n. 151/2001) art. 54, comma 8, D.Lgs. n. 151/2001 L’inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 54 del D.Lgs. n. 151/2001 è punita con  la  sanzione  amministrativa  da   euro

1.032 a euro 2.582. Non è ammesso il pagamento in misura ridotta di cui all’art. 16 della L. n. 689/1981. Inoltre, ove rilevata nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’art. 46-bis del D.Lgs. n. 198/2006, o di analoghe certificazioni previste dalle Regioni e dalle Province autonome nei rispettivi ordinamenti, impedisce al datore di lavoro il conseguimento delle stesse certificazioni

diritto al rientro e alla conservazione del posto (art. 56, D.Lgs. n. 151/2001) art. 56, comma 4-bis e art. 54, comma 8, D.Lgs. n. 151/2001 L’inosservanza delle disposizioni contenute nell’art. 56 del D.Lgs. n. 151/2001 è punita con  la  sanzione  amministrativa  da   euro

1.032 a euro 2.582. Non è ammesso il pagamento in misura ridotta di cui all’art. 16 della L. n. 689/1981. Inoltre, ove rilevata nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’art. 46-bis del D.Lgs. n. 198/2006, o di analoghe certificazioni previste dalle Regioni e dalle Province autonome nei rispettivi ordinamenti, impedisce al datore di lavoro il conseguimento delle stesse certificazioni

riposi giornalieri della madre (art. 39, D.Lgs. n. 151/2001)

riposi giornalieri del padre (art. 40, D.Lgs. n. 151/2001)

riposi per parti plurimi (art. 41, D.Lgs. n. 151/2001)

riposi e permessi per i figli con handicap grave (art. 42, D.Lgs. n. 151/2001) assegnazione   temporanea   dei lavoratori

art. 46, D.Lgs. n. 151/2001 L’inosservanza delle disposizioni contenute negli artt. 39, 40, 41, 42, 42-bis e 45 è punita con la sanzione amministrativa da euro 516 a euro 2.582

Il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio dei diritti di cui agli artt. 39, 40, 41, 42, 42-bis e 45, ove rilevati nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della  parità  di genere di cui

dipendenti alle amministrazioni pubbliche (art. 42-bis, D.Lgs. n. 151/2001)

adozioni e affidamenti (art. 45, D.Lgs. n. 151/2001)

all’art. 46-bis del D.Lgs. n. 198/2006 o di analoghe certificazioni previste dalle Regioni e dalle Province autonome nei rispettivi ordinamenti, impediscono al datore di lavoro il conseguimento delle stesse certificazioni
congedi parentali (capo V, D.Lgs. n. 151/2001) art. 38, D.Lgs. n. 151/2001 Il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio dei diritti di assenza dal lavoro di cui al Capo V sono puniti con la sanzione amministrativa da euro 516 a euro 2.582 e, ove rilevati nei due anni antecedenti alla richiesta della certificazione della parità di genere di cui all’art. 46-bis del D.Lgs. n. 198/2006 o di analoghe certificazioni previste dalle Regioni e dalle Province autonome nei rispettivi ordinamenti, impediscono al datore di lavoro il conseguimento delle stesse certificazioni

 

Fonte: Ispettorato Nazionale del Lavoro

 

 


 

La prassi dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro

annotipodata Oggetto
2023nota16224/01INL: provvedimento di sospensione e microimpresa – chiarimenti
2022nota241406/12D.L.vo 105/2022 - conciliazione vita-lavoro e congedi parentali: sistema sanzionatorio
2022parere208918/10Sanzione per mancata COT nell’ipotesi di contestazione della maxi-sanzione
2022nota201610/10Ricorsi ex art. 16 del D.Lgs. 124/2004 – competenza a decidere
2022nota201510/10Comunicazioni UNIRETE – impresa di riferimento per le comunicazioni
2022nota195930/09Decorrenza del termine quinquennale di prescrizione dei crediti da lavoro
2022nota955006/09Congedi e permessi per genitori e prestatori di assistenza
2022circolare410/08Decreto trasparenza - la circolare esplicativa
2022circolare305/07Semplificazione delle verifiche per l'ingresso di personale extracomunitario
2022nota382023/06Misure in materia di semplificazioni fiscali e di rilascio del nulla osta al lavoro
2022nota115907/06Provvedimento di sospensione – attività non differibili
2022nota107424/05Permesso di soggiorno per studio e svolgimento di attività lavorativa – limiti
2022nota104919/05Codice dei contratti pubblici – modifiche alla disciplina del subappalto
2022nota88122/04Lavoratori autonomi occasionali – doppio binario comunicativo
2022nota85619/04Maxisanzione per lavoro sommerso - ambito di applicazione
2022circolare207/04Apprendistato - erogazione formazione di base e trasversale a distanza
2022nota57328/03Cambia la modalità di comunicazione Lavoratori autonomi occasionali – chiarimenti
2022nota53021/03Nuove disposizioni in materia di tirocini – prime indicazioni
2022circolareprot. 152108/03Pratiche di emersione dei rapporti di lavoro - priorità alle istanze dei cittadini Ucraini
2022nota39301/03Ulteriori FAQ in merito alla comunicazione dei lavoratori autonomo occasionali - (vedi anche la nota 109/2022)
2022nota31522/02Comunicazioni dei rapporti di lavoro in regime di codatorialità)
2022circolare116/02Salute e sicurezza sul lavoro - obblighi formativi
2022nota15102/02Condizioni per la revoca del provvedimento di sospensione
2022nota143531/01Accesso agli Uffici ITL solo con Green pass "base"
2022nota10927/01Le FAQ in materia di comunicazione dei lavoratori autonomo occasionali - (vedi anche la nota 393/2022)
2022nota2911/01Obbligo di comunicazione dei lavoratori autonomo occasionali
2021nota200824/12Valutazione istanze presentate con decreto flussi stagionali nel settore agricolo e florovivaismo
2021nota200223/12Diffida accertativa – esposizione degli importi lordi
2021circolare409/12Provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale – chiarimenti
2021nota179923/11Ferie tramutate in cassa integrazione Covid-19 - chiarimenti
2021circolare309/11Nuovo provvedimento di sospensione ex art. 14 D.Lgs. n. 81/2008 – prime indicazioni
2021nota165929/10Comunicazione preventiva di distacco transnazionale e regime sanzionatorio
2021circolare219/10Distacco transnazionale dei lavoratori - novità
2021nota155113/10Ricorsi ai Comitati per il lavoro ai sensi dell’art. 17 del D.Lgs. n. 124/2004 – chiarimenti
2021nota155013/10Procedure rilascio provvedimenti di maternità
2021nota150706/10modifica alla disciplina del subappalto - indicazioni operative
2021nota136314/09modifica alla disciplina delle causali nel contratto a tempo determinato
2021nota533121/07Sindacati - raccolta del dato elettorale
2021nota518616/07Riattivazione delle procedure conciliative per licenziamenti GMO
2021nota518416/07Indicazioni esami per Consulenti del Lavoro - anno 2021
2021nota96717/06Certificato del casellario giudiziale - calcolo della sanzione in caso di violazione
2021nota96617/06Disabili - variazioni dell’organico aziendale e sanzione per omessa copertura della quota
2021nota93615/06Distacco transnazionale - tutela per i lavoratori somministrati
2021nota374103/06Tempistiche degli esami di abilitazione alla conduzione di generatori di vapore
2021nota87331/05Apprendistato professionalizzante per assistente studio odontoiatrico con abilitazione
2021nota80419/05Contratti a termine – ulteriore contratto dinanzi all’ITL e diverso inquadramento
2021nota76212/05Agevolazione rinnovo e proroga contratti a termine - articolo 19bis DL 18/2020
2021nota68529/04Ulteriori FAQ – Diffida accertativa per crediti patrimoniali
2021nota60615/04Tracciabilità dei pagamenti e applicabilità del cumulo giuridico
2021nota55302/04Interdizione post partum
2021nota47322/03Tracciabilità della retribuzione – integrazione illecito amministrativo
2021nota44117/03Diffida accertativa – responsabilità solidale e termine decadenziale
2021nota41310/03Disciplina dei contratti a termine nelle ipotesi di stagionalità previste dal CCNL
2021nota33724/02Autotrasporto - forfettizzazione straordinario: registrazione sul LUL
2021nota32623/02FAQ – Diffida accertativa per crediti patrimoniali
2021nota30118/02Società in house - provvedimentio disciplinare e ricorso al collegio di conciliazione ed arbitrato
2021circolare108/02Ruolo della contrattazione collettiva per il lavoro intermittente
2021nota86005/02Nona procedura di salvaguardia
2021nota6214/01Diffida accertativa e applicazione nei confronti della P.A.
2021nota6114/01Autisti – tempi di guida, riposi e pause
2020nota453915/12Potere di disposizione – ipotesi applicative
2020nota111614/12Congedo parentale, indennità giornaliera a favore dei lavoratori turnisti
2020nota110711/12Diffida accertativa e potere di disposizione – ulteriori chiarimenti
2020nota110111/12Attività di intermediazione di lavoro per le cooperative consorziate in forza dell’autorizzazione al consorzio
2020nota106230/11Organizzazione del lavoro per gli addetti ai servizi di vigilanza privata
2020nota105730/11Condizioni di ingresso e soggiorno di lavoratori extraUE nell’ambito di trasferimenti intra-societari
2020nota105026/11Lavoratore notturno – definizione”
2020nota104626/11Base computo per la quota di riserva in caso di “passaggio di appalto”
2020nota103725/11Appalti “labour intensive” – nessuna competenza per le verifiche sulle ritenute fiscali del committente
2020nota102623/11“trasformazione” del contratto di Apprendistato di primo livello in Apprendistato di alta formazione
2020circolare ML-INL1823/11Sanatoria: attestazione ITL per conversione p.s. temporanei in p.s. per motivi di lavoro (congiunta ML - INL)
2020circolare730/10collaborazioni organizzate dal committente e tutele del lavoro tramite piattaforme - sostituisce la circolare ML 3/2016
2020circolare605/10Diffida accertativa - chiarimenti per gli ispettori
2020circolare530/09Potere di disposizione – chiarimenti per gli ispettori
2020circolare425/09Quali procedure amministrative e conciliative potranno essere effettuate online
2020nota74925/09Chiarimenti convalida dimissioni lavoratore padre con figlio fino a 3 anni di età
2020nota71316/09Chiarimenti su alcune norme del decreto “Agosto”
2020circolare330/07Deposito telematico anche dei contratti collettivi che prevedono modifiche alle tipologie contrattuali
2020nota52729/07Apprendistato - CIG e formazione e-learning
2020circolare228/07Benefici normativi e contributivi e rispetto della contrattazione collettiva
2020nota46921/07Decreto Semplificazioni – modifiche al procedimento amministrativo
2020nota46821/07Decreto Rilancio – modifiche di interesse per l’attività di vigilanza
2020nota29824/06COVID-19 - divieto di licenziamento per sopravvenuta inidoneità sino al 17 agosto
2020nota26018/06Calcolo sanzione mancati riposi nell’autotrasporto
2020nota16003/06Chiarimenti su alcune disposizioni del decreto Rilancio
2020nota19218/05 COVID-19 – attività conciliativa “da remoto”
2020nota6415/05 COVID-19 – CIG anche per i lavoratori in nero accertati dagli ispettori
2020nota2308/05Corretto inquadramento previdenziale – chiarimenti
2020nota14920/04Disposizioni per la prevenzione del contagio sui luoghi di lavoro
2020nota220123/03COVID-19 – attività indifferibili dell’ufficio
2020circolare111/03 Attività di vigilanza - inquadramento previdenziale - istruzioni operative per il personale ispettivo
2020nota217911/03Chiarimenti sui Decreti Legge 9 e 11 del 2020
2020nota198104/03Attività ispettiva in presenza di contratti certificati
2020nota143617/02Omissione versamenti ai fondi di previdenza complementare
2020nota136613/02Inquadramento dello skipper come lavoratore domestico a bordo di imbarcazioni da diporto
2020nota59623/01Lavoro a domicilio negli istituti di pena
2020nota59523/01Diffida accertativa – decorrenza della prescrizione per crediti di lavoro
 
- superata dalla nota n. 1959/2022
2020nota42217/01Appalto illecito – sanzionabilità delle pubbliche amministrazioni
2020nota14810/01Indicazioni sulle procedure di conciliazione ex art. 6 del D.lgs. n. 23/2015
2019nota994319/11Responsabilità solidale del committente per debiti contributivi
2019nota87169/10Comunicazione delle “chiamate” dei lavoratori intermittenti – chiarimenti
2019nota812017/09Requisiti per la stipula del contratto a termine assistito
2019nota796611/09Autorizzazione per impiego di minori dello spettacolo – chiarimenti
2019nota796411/09Aggravante sanzionatoria nelle ipotesi di impiego di lavoratori beneficiari del RDC
2019circolare910/09Rispetto della contrattazione collettiva e benefici normativi e contributivi
2019nota740112/08Restituzione della somma versata per la revoca della sospensione dell’attività imprenditoriale
2019nota62201/08Vademecum vigilanza sul distacco transnazionale - da aggiornare con le novità della nota 936/2021
2019circolare824/07Verifiche sui percettori di RdC che lavorano “in nero”
2019nota532005/06Informazioni sui percettori di RdC
2019lettera circolare506630/05Diffida accertativa e procedure di conciliazione
2019circolare706/05Benefici normativi e contributivi e rispetto della contrattazione collettiva
2019nota386219/04Iniziative di contrasto agli appalti illeciti – certificazione dei relativi contratti
2019circolare603/04Operatori soccorso alpino e speleologico – novità introdotte dal D.L. n. 87/2018
2019nota259414/03Maggiorazioni sanzioni – indicazioni operative - collegato a -> (cir. n. 2/2019) - (nota n. 1148/2019)
2019circolare528/02Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro – Linee guida
2019lettera circolare188125/02Impianti di videosorveglianza e modifica degli assetti aziendali (es. fusioni, incorporazioni, affitto d’azienda o di ramo d’azienda)
2019nota143814/02Lavoro notturno – calcolo dell’orario medio
2019circolare411/02Verbalizzazione accertamenti ispettivi
2019circolare311/02La somministrazione fraudolenta – indicazioni operative
2019nota121407/02Contratto a termine assistito presso l'Ispettorato del lavoro
2019nota114805/02Maggiorazioni delle sanzioni - ulteriori chiarimenti
2019circolare214/01Legge di bilancio 2019 – chiarimenti sulle maggiorazioni delle sanzioni
2019circolare114/01Verbalizzazione accertamenti – indicazioni sulla corretta individuazione dei mezzi di impugnazione
2018nota929409/11Sanzione per retribuzioni pagate senza strumenti tracciabili e lavoro “nero”
2018nota736910/09Verifica ispettiva sull’effettività dei pagamenti con strumenti tracciabili
2018nota669601/08Distacco dei lavoratori e impiego in operazione di cabotaggio
2018circolare1126/07Chiarimenti sulle sanzioni in materia di orario di lavoro
2018circolare1011/07Appalto illecito ed inadempienze retributive e contributive – indicazioni agli organi di vigilanza
2018nota582804/07Sanzioni in caso di pagamento delle retribuzioni in contanti
2018lettera circolare31422/06Sanzioni in materia di salute e sicurezza- indicazioni per gli ispettori
2018lettera circolare30218/06Controllo a distanza - indicazioni operative sul rilascio dei provvedimenti autorizzativi
2018circolare901/06Attività ispettiva in presenza di contratti certificati – indicazioni operativa per gli ispettori del lavoro
2018nota453822/05Procedure di contestazione della violazione all’erogazione di retribuzione tramite mezzi tracciabili
2018circolare818/04Tirocini – verifiche sulla genuinità della formazione
2018circolare729/03Contratto di rete – regole sul distacco e la codatorialità
2018circolare629/03Solidarietà dell’articolo 29 anche per i rapporti di subfornitura
2018lettera circolare5015/03Collaboratori familiari nei settori dell'artigianato, dell'agricoltura e del commercio
2018lettera circolare4915/03Lavoro intermittente e assenza del DVR – riqualificazione rapporto di lavoro
2018nota4306/03Computo lavoratori stagionali per la quota di riserva disabili
2018circolare519/02Chiarimenti in ordine all’installazione e l’utilizzazione di impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo
2018nota congiunta3215/02Adempimenti di lavoro – obbligo di comunicazione per avvocati e dottori commercialisti
2018circolare412/02Certificazione dei contratti – Enti Bilaterali abilitati
2018circolare325/01Mancata applicazione del CCNL – attività di vigilanza
2018circolare225/01Novità in materia di Lavoro contenute nella Legge di Bilancio 2018
2018nota29012/01Compatibilità tra Apprendistato e Distacco
2018circolare111/01Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi
2017nota25517/10Attività di vigilanza – profili previdenziali e assicurativi
2017lettera circolare1212/10Chiarimenti sulle sanzioni da applicare in caso di omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori
2017nota846527/09Giurisdizione applicabile alle controversie dei dipendenti delle compagnie aeree
2017nota837625/09Rilevanza penale dell’illecito di omesso versamento delle ritenute previdenziali
2017nota742721/08Calcolo delle sanzioni nelle Prestazioni Occasionali
2017circolare509/08Regime sanzionatorio nelle Prestazioni Occasionali
2017circolare426/07Videosorveglianza – installazione e utilizzo di software da parte di call center
2017circolare318/07Attività di vigilanza – recupero benefici “normativi e contributivi”
2017nota5617 21/06Somministrazione illecita di domestici – non punibile la famiglia
2017nota483305/06Distacco transnazionale di lavoratori – ulteriori chiarimenti
2017nota461924/05Chiarimenti in materia di video sorveglianza
2017nota346419/04Condizioni di ingresso di cittadini extraUE per lavoro stagionale e per trasferimenti intra-societari
2017nota228323/03Assunzione disabile – sanzione diffida e termini per adempiere
2017nota10327/03Attività di vigilanza – profili previdenziali e assicurativi
2017lettera circolare2/201722/02Chiarimenti organizzativi sull’attività di vigilanza
2017lettera circolare1/201709/02Modalità di tenuta della documentazione dei cronotachigrafi
2017circolare225/01Profili logistici, di coordinamento e di programmazione dell’attività di vigilanza
2017circolare110/01Distacco transnazionale di lavoratori – indicazioni operative al personale ispettivo
2016circolare429/12Ricorsi amministrativi avverso atti di accertamento in materia di lavoro – la nuova procedura
2016circolare322/12Comunicazione preventiva di Distacco Transnazionale di lavoratori in Italia
2016circolare207/11Chiarimenti sull’installazione e l'utilizzo di impianti GPS e procedura autorizzatoria
2016circolare117/10Lavoro Accessorio – chiarimenti sulla comunicazione all'Ispettorato del Lavoro
La Redazione

Autore: La Redazione

Condividi questo articolo su