Min.Lavoro: comunicazioni dei rapporti di lavoro in regime di codatorialità – indicazioni operative

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con la nota n. 315 del 22 febbraio 2022, informa circa l’individuazione delle modalità operative di comunicazione dei rapporti di lavoro in codatorialità da parte dell’impresa referente individuata nell’ambito di contratti di rete, stipulati ai sensi dell’art. 3, comma 4-ter e sexies, del Decreto Legge n. 5/2009 (conv. con la legge n. 33/2009).

 

Modelli e tempistica delle comunicazioni

Le comunicazioni di inizio, trasformazione, proroga e cessazione della codatorialità nell’ambito di un contratto di rete sono effettuate attraverso il modello “Unirete” accessibile dal sito www.servizi.lavoro.gov.it. Tali comunicazioni sono da effettuarsi a far data dal 23 febbraio 2022, ossia dal giorno successivo alla pubblicazione del D.M. n. 205/2021 sul sito del Ministero del lavoro e delle politiche sociali (v. sez. pubblicità legale).

In relazione ai rapporti di lavoro in codatorialità già in essere alla predetta data, in assenza di esplicite previsioni al riguardo, sarà invece possibile effettuare le comunicazioni entro trenta giorni decorrenti dall’entrata in vigore dello stesso D.M. e quindi entro il giorno 24 marzo compreso.

Gli adempimenti comunicativi dovranno essere effettuati da un’unica impresa retista, all’uopo individuata come referente nel contratto di rete. Ai fini dell’abilitazione ai sensi dell’art. 1, comma 1, lett. h), del D.I. 30 ottobre 2007, l’impresa referente avrà cura di allegare il contratto di rete, comprensivo delle regole di ingaggio che disciplinano la codatorialità da cui risulti l’elenco delle imprese co-datori e l’individuazione, da parte di quest’ultime, dell’impresa referente.

Con il Modello Unirete Assunzione l’impresa referente comunica i dati relativi ai nuovi rapporti di lavoro avviati a seguito dell’attivazione del regime di codatorialità.

Per i lavoratori neoassunti in regime di codatorialità dovrà essere individuato un datore di lavoro di riferimento (primo quadro della Sez. datori di lavoro) – ai sensi dell’art. 3, comma 1, del Decreto – in capo al quale sono ricondotti gli obblighi di registrazione delle prestazioni lavorative sul Libro unico del lavoro nonché gli adempimenti previdenziali e assicurativi.

I dati richiesti sono i medesimi previsti nell’ordinario modello Unilav di instaurazione del rapporto di lavoro, con la specifica ulteriore delle “mansioni” svolte dal lavoratore. Il contratto collettivo di lavoro applicato al lavoratore sarà quindi quello del datore di lavoro individuato nella comunicazione.

Per i rapporti di lavoro preesistenti all’attivazione del regime di codatorialità, l’impresa referente provvederà a compilare il medesimo modello Unirete Assunzione, indicando quale co-datore di riferimento, per gli effetti di quanto sopra, il datore di lavoro originario presso il quale il lavoratore risulta in forza al momento della sua messa a fattor comune tra le imprese aderenti alla rete. Nessun altro obbligo comunicativo è imposto al datore di lavoro originario, atteso che il rapporto di lavoro, instaurato in precedenza con comunicazione Unilav Assunzione resta sospeso fino alla eventuale cessazione della codatorialità.

Da ciò consegue che l’impresa referente per le comunicazioni non è automaticamente individuata quale datore di lavoro di riferimento del lavoratore. Tale coincidenza, peraltro, risulta certamente interdetta in tutti i casi in cui il rapporto di lavoro preesistente al contratto di rete sia stato instaurato con impresa diversa da quella referente per le comunicazioni.

Il Modello Unirete Trasformazione dovrà essere compilato, come di prassi, nei casi di trasformazione del rapporto di lavoro, di trasferimento del lavoratore e di distacco del lavoratore. In particolare, con riferimento all’istituto del distacco, andrà specificato nell’apposito campo se l’invio del lavoratore sia verso imprese non appartenenti alla rete o se avvenga verso imprese retiste, non rientranti tra i soggetti co-datori.

Il Modello Unirete Proroga dovrà essere utilizzato solo se il rapporto di lavoro è a termine, allorché lo stesso venga prorogato oltre il termine stabilito inizialmente.

Il Modello Unirete Cessazione troverà utilizzo nelle ipotesi in cui venga meno il regime di codatorialità per cessazione della rete, per la fuoriuscita dal contratto di rete dell’impresa retista di riferimento dei rapporti di lavoro oppure per la cessazione del singolo rapporto di lavoro del lavoratore in codatorialità. Nel caso di cessazione dell’intera rete, l’impresa referente comunicherà la chiusura di tutti i rapporti dei lavoratori in codatorialità e per effetto di tale comunicazione cesseranno quelli relativi ai lavoratori assunti e messi direttamente a fattor comune.

Per i lavoratori già in forza, invece, la cessazione della rete, comunicata attraverso il modello Unirete dedicato, determinerà soltanto la conclusione del regime di codatorialità. Il rapporto di lavoro proseguirà con il datore di lavoro originario il quale, ove voglia recedere dal rapporto di lavoro, dovrà procedere, ai fini degli obblighi comunicativi, a trasmettere il modello Unilav Cessazione. Le stesse indicazioni valgono in caso di dimissioni del lavoratore in codatorialità.

L’impresa referente per le comunicazioni telematiche relative alla codatorialità sarà l’unica responsabile per eventuali omissioni riferite a dette comunicazioni, potendo andare incontro, secondo quanto disposto dall’art. 4 del Decreto, alla sanzione di cui all’art. 19, comma 3, del D.Lgs. n. 276/2003, prevista in via ordinaria per le violazioni inerenti tutte le tipologie di comunicazioni telematiche al Centro per l’impiego.

Va infine ribadito che il sistema di comunicazione UniRete gestisce anche le comunicazioni di distacco dei lavoratori in regime di codatorialità verso le imprese che, pur appartenendo alla rete, non abbiano aderito alla codatorialità o nei confronti di imprese esterne alla rete.

 

Profili previdenziali ed assicurativi

Il trattamento previdenziale ed assicurativo del lavoratore in codatorialità viene definito in base alla classificazione dell’impresa indicata nella comunicazione UniRete come datore di lavoro di riferimento ed in virtù dell’imponibile retributivo determinato, in funzione della categoria, del livello e delle mansioni assegnate al lavoratore, dal contratto collettivo riferibile alla stessa impresa.

Ne consegue che il lavoratore, benché in codatorialità, in applicazione del disposto dell’art. 2103 del codice civile, deve essere adibito presso ciascun co-datore alle mansioni per le quali è stato assunto oppure a quelle corrispondenti all’inquadramento superiore che abbia successivamente acquisito ovvero a mansioni riconducibili allo stesso livello e categoria legale di inquadramento.

Resta pertanto intangibile il regime regolatorio del cosiddetto ius variandi, salva la possibilità di riferire  il mutamento degli assetti organizzativi abilitanti l’adibizione a mansioni inferiori di cui al comma 2 dell’art.   2103proprio all’intervenuto contratto di rete, fermo restando il diritto del lavoratore alla conservazione della categoria di inquadramento e al trattamento retributivo in godimento.

Alla determinazione della mansione nei termini sopra chiariti è collegata anche la definizione del regime di tutela dei profili di salute e sicurezza di cui al D.Lgs. n. 81/2008. Peraltro, il mutamento di mansioni è accompagnato, ove necessario, dall’assolvimento dell’obbligo formativo ai sensi del comma 3 dell’art. 2103 c.c.

Il trattamento previdenziale del lavoratore posto in codatorialità risulta quindi determinato, secondo quanto precisato dall’art. 3, comma 2, del D.M. n. 205/2021, in ragione del CCNL applicabile ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. n. 338/1989 (conv. dalla L. n. 389/1989), all’impresa individuata come co-datore di riferimento nella comunicazione UniRete che, in caso di rapporti di lavoro preesistenti alla costituzione, coincide sempre con il datore di lavoro originario.

Il CCNL di riferimento risulterà, quindi, secondo i principi generali in materia, quello che presenti i requisiti di maggiore rappresentatività comparativa nella categoria.

L’ultimo periodo del comma 2 dell’art. 3 del D.M. prevede un meccanismo di maggior tutela per il lavoratore che, per effetto del regime di codatorialità, si ritrovi ad effettuare la prestazione lavorativa per imprese che applicano differenti contratti collettivi. Laddove la prestazione lavorativa sia stata resa nel mese in termini prevalenti in favore di una impresa che applichi un CCNL che, per la medesima mansione, preveda una retribuzione più elevata rispetto a quella prevista dal contratto applicabile dal datore di lavoro di riferimento, l’imponibile oggetto di denuncia mensile dovrà essere adeguato a tale maggiore importo. A tal fine, le registrazioni sul LUL riportano, ai sensi di quanto previsto dall’art. 3, comma 3, l’impiego orario del lavoratore presso ciascun datore di lavoro.

Il datore di lavoro di riferimento del lavoratore – che, per quanto sopra esplicitato, non è detto che coincida con l’impresa referente per le comunicazioni nel sistema UniRete – ha inoltre la responsabilità di gestione degli adempimenti contributivi ed assicurativi quali la trasmissione dei flussi UniEmens, le registrazioni sul LUL (cfr. art. 3, comma 3, del D.M.), l’inserimento del lavoratore nell’autoliquidazione annuale INAIL.

 

Regime di solidarietà

Nel rapporto di lavoro in codatorialità, tutti i retisti assumono il ruolo sostanziale di datori di lavoro dei lavoratori coinvolti, benché gli adempimenti concernenti la gestione del rapporto per finalità di semplificazione degli oneri amministrativi siano formalmente riservati ad un’unica impresa.

La stipula del contratto di rete e dell’accordo di co-datorialità, infatti, implica l’insorgenza in capo ai lavoratori coinvolti dell’obbligo di rendere la prestazione lavorativa nei confronti di tutti i co-datori e, in capo a quest’ultimi, l’obbligo di corrispondere la retribuzione dovuta e di provvedere ai versamenti previdenziali dovuti.

Ne consegue che l’adempimento degli obblighi connessi al rapporto di lavoro potrà essere richiesto, per l’intero, a ciascuno dei co-datori ferma restando la valenza, nei soli rapporti interni, di accordi volti a limitare il piano delle responsabilità e della natura liberatoria dell’adempimento dell’uno nei confronti degli altri con ogni facoltà di regresso nel rispetto delle regole stabilite tra le parti.

Del resto, la giurisprudenza di legittimità che ha affrontato le implicazioni, sul piano della responsabilità solidale, di posizioni datoriali di fatto soggettivamente complesse, nel ritenerle configurabili ha specificato come “un rapporto di lavoro che vede nella posizione del lavoratore un’unica persona e nella posizione di datore di lavoro più persone” rende “così solidale l’obbligazione del datore di lavoro” (cfr. al riguardo Cass. n. 25270/2011 e già Cass. n. 22927/2005 e n. 8809/2009; più di recente v. anche Cass. n. 17775/2016 e Cass. n. 3899/2019).

In altri termini, mentre nel distacco, attivabile nell’ambito della rete in termini alternativi alla codatorialità, il lavoratore interessato è coinvolto nell’ambito di un rapporto bilaterale tra impresa retista distaccante e impresa retista distaccataria, la codatorialità consente il potenziale coinvolgimento di tutte le imprese appartenenti alla rete, che restano libere di scegliere se aderire a tale modello ed usufruire della prestazione lavorativa in base alle “regole di ingaggio” appositamente predisposte ed accessorie rispetto al contratto di rete. La conseguenza di tale la scelta, stante la piena autonomia nell’elezione del vincolo di codatorialità e la possibilità riconosciuta ai soggetti in rete di valutare la convenienza dell’assunzione del vincolo solidale nella gestione dei rapporti di lavoro, determina la strutturazione della controparte datoriale del rapporto di lavoro nei termini di parte soggettivamente complessa e l’applicazione del regime di corresponsabilità retributiva, previdenziale e assicurativa ex art. 1294 c.c.

 

Campo di applicazione

Le regole sopra richiamate trovano applicazione per tutti i rapporti in codatorialità costituiti nell’ambito dei contratti di rete stipulati ai sensi dell’art. 3, comma 4-ter, e comma 4-sexies, del D.L. n. 5/2009 in essere alla data di entrata in vigore del D.M. n. 205/2021 ossia alla data del 23 febbraio 2022 o instaurati successivamente. Per i contratti di rete stipulati con lo specifico obiettivo della solidarietà occupazionale – e cioè quelli aventi l’obiettivo di “favorire il mantenimento dei livelli di occupazione delle imprese di filiere colpite da crisi economiche in seguito a situazioni di crisi o stati di emergenza dichiarati con provvedimento delle autorità competenti” – il comma 4-sexies dell’art. 3 del D.L. n. 5/2009 ne ha previsto il ricorso unicamente per gli anni 2020 e 2021. Tuttavia, benché la stipula sia limitata al 31 dicembre 2021, il contratto di rete in solidarietà esplica i suoi effetti anche in data successiva e fino alla sua naturale scadenza. Gli obblighi di comunicazione di cui all’art. 2 del D.M. e le successive disposizioni di cui all’art. 3, pertanto, trovano applicazione, anche in tal caso, ai rapporti di lavoro in regime di codatorialità in essere al momento dell’entrata in vigore del decreto o istituiti successivamente.

 

 

Fonte: Ministero del Lavoro

 


annotipoOggetto
2022circolare12Apprendistato di primo livello - chiarimenti interpretativi
2022circolare6Ammortizzatori sociali – risposte a quesiti
2022nota2003Green pass per i percettori del Rdc che partecipano ai progetti utili alla collettività
2022nota34/4011Terzo settore - regime di incompatibilità tra volontario e rapporto di lavoro
2022nota315Contratto di rete - comunicazioni dei rapporti di lavoro in regime di codatorialità
2022circolare3FIS - chiarimenti procedurali
2022nota359Flussi di ingresso per stranieri - attribuzione delle quote
2022circolare ML-PALavoro agile per ridurre i contagi
2022circolare1Legge bilancio 2022 - prime linee di indirizzo in materia di ammortizzatori sociali
2021nota19740Terzo settore - modelli di bilancio
2021nota18244Quesiti sulla disciplina degli Enti del Terzo settore
2021circolare9Covid-19 - La disciplina del lavoro agile nella Pubblica Amministrazione
2021nota2548Comunicazione smart working - Procedura telematica semplificata
2021nota936CO per i cittadini britannici residenti in Italia al 31 dicembre 2020
2021circolare2Enti del Terzo settore (“ETS”) e reti associative – chiarimenti
2020circolare19Sospensione obblighi di assunzione delle persone con disabilità durante la CIG
2020circolare ML-INL18Sanatoria: attestazione ITL per conversione p.s. temporanei in p.s. per motivi di lavoro (congiunta ML - INL)
2020circolare17Riders – le tutele del lavoro
2020circolare15Ripartizione ITL delle quote flussi di ingresso dei lavoratori non comunitari – anno 2020
2020nota11560Codice del Terzo Settore – nomina organo di controllo e revisore legale dei conti
2020nota10980Statuti degli Enti del Terzo Settore. Adeguamenti statutari al D.Lgs. 117/17 “C.T.S.” diAssociazioni nonriconosciute costituite con Atto Pubblico
2020nota10979Coop Sociali – spese rimborsate ai soci volontari
2020circolare ML-Interno3843Determinazione e destinazione del contributo forfettario per le somme dovute dal datore di lavoro, relativamente ai rapporti di lavoro irregolare
2020nota3738Emersione lavoro irregolare – istruzioni per il versamento del contributo forfettario
2020nota3575Dimissioni telematiche. Gestione “delega cartacea”
2020circolare13Sorveglianza sanitaria con particolare riguardo alle lavoratrici e ai lavoratori fragili
2020circolare12Disposizioni urgenti per il territorio di Savona a seguito degli eccezionali eventi atmosferici del mese di novembre 2019
2020circolare11Cassa integrazione guadagni in deroga in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19
2020nota2721Avviamento del Sistema Pubblico di Identità -SPID
2020nota8115Società a responsabilità limitata semplificata e impresa sociale
2020circolare9Stabilizzazione di Lavoratori Socialmente Utili
2020circolare8Criteri per l’accesso ai trattamenti di integrazione salariale
2020circolare2Strumento di supporto rivolto alle micro, piccole e medie imprese, per la valutazione dei rischi sviluppato secondo il prototipo europeo OiRA, dedicato al settore "Uffici"
2020circolare1Sistema dei Servizi Sociali –Emergenza Coronavirus
2020nota1311Lavoro intermittente - istruzioni per la chiamata dei lavoratori dello spettacolo
2019circolare18Contratto di espansione – ulteriori chiarimenti
2019circolare17Riduzioni contributive per chi stipula contratti di solidarietà
2019circolare16Contratto di espansione – criteri 2019-2020
2019circolare15Stabilizzazione LSU – la normativa applicabile
2019nota2761Deposito telematico dei contratti collettivi
2019nota9204Ripartizione alle Regioni delle risorse 2018 per il finanziamento dei percorsi di assolvimento diritto-dovere nell’Istruzione e Formazione
2019circolare13Codice del Terzo Settore – chiarimenti sull’effettuazione degli adeguamenti statutari
2019nota8342Sostegno al reddito per i dipendenti di aziende sequestrate e confiscate – integrazioni alla circolare 10/2019
2019circolare10Trattamento di sostegno al reddito per i lavoratori dipendenti da aziende sequestrate e confiscate in amministrazione giudiziaria
2019nota4097Computo lavoratori svantaggiati nell’impresa sociale
2019nota4096Impresa sociale – assetti proprietari (art. 4) e cariche sociali (art. 7)
2019nota3734Attività di culto – risposta a quesito
2019circolare9Flussi 2019 - attribuzione territoriale quote per lavoro subordinato e autonomo
2019circolare8Finanziamento 2019 delle misure di sostegno al reddito per i lavoratori dei call-center
2019nota3650Statuto Terzo settore – individuazione delle attività di interesse generale e delle finalità
2019circolare6Rifinanziamento del trattamento di CIGS per riorganizzazione, crisi aziendale e contratto di solidarietà
2019circolare5CIGS per cessazione per imprese appaltatrici di servizi di mensa o pulizia
2019nota1118Distacco durante il periodo di apprendistato
2019circolare2Terzo Settore – adempimento degli obblighi di pubblicità e trasparenza
2019circolare1Incentivi statali alla stabilizzazione di Lavoratori Socialmente Utili
2018circolare20Codice del terzo settore – adeguamenti statutari
2018circolare19Esonero pagamento quote di accantonamento del TFR e pagamento contributo licenziamento
2018circolare18Proroga del trattamento CIGS per le causali di riorganizzazione aziendale, crisi aziendale e contratto di solidarietà
2018circolare17Contratto a tempo determinato e Somministrazione a termine dopo il Decreto Dignità
2018circolare16Proroga CIGS per causali di riorganizzazione aziendale, crisi aziendale e contratto di solidarietà
2018circolare15CIGS per aziende in cessazione
2018nota10569 cong.ANPALRichiedenti e titolari di protezione internazionale – accesso ai servizi di politica attiva
2018circolare13Salute e sicurezza sul lavoro – adozione della circolare OiRA
2018circolare11Chiarimenti sull’Accordo di Ricollocazione
2018circolare10Rinnovo delle autorizzazioni alla costruzione e all’impiego di ponteggi
2018nota4079Permesso di soggiorno per motivi familiari – attività lavorativa nelle more del rilascio
2018circolare5CIGS nel settore editoria
2018circolare4Esonero dal versamento della contribuzione addizionale per le aziende in procedura concorsuale
2018circolare2Criteri di approvazione degli interventi CIGS per le annualità 2018 e 2019
2018circolare1Settore Pesca – indennità a sostegno del reddito
2017circolare22Le condizioni per l’accesso al sostegno al reddito per le imprese della Pesca Marittima
2017circolare21Le condizioni per l’accesso al sostegno al reddito per le imprese dell’Editoria
2017circolare20Amministrazione straordinaria e CIGS – quadro normativo e procedurale
2017circolare19decontribuzione contratti di solidarietà (integrazione alla circolare 18/2017)
2017circolare18Decontribuzione dei contratti di solidarietà
2017circolare17Il concetto di quinquennio e biennio mobile e relative modalità di calcolo
2017circolare16Limite massimo di ore di CIGS autorizzabili per le causali di crisi e riorganizzazione aziendale
2017circolare15Liquidazione anticipata della pensione di vecchiaia nei confronti dei giornalisti
2017circolare14CIGS: anzianità di effettivo lavoro presso l’unità produttiva
2017circolare13Trattamento di mobilità in deroga per i lavoratori che operano in un’area di crisi industriale complessa
2017circolare11Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro – presentazione dell’istanza di rinnovo
2017circolare9Interventi in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici dal 24 agosto 2016 - proroga 2017
2017circolare8Interventi in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici dal 24 agosto 2016
2017circolare7CIGS Aree di Crisi Industriale Complessa – indicazioni applicative per il 2017
2017circolare6Ripartizione dei flussi per ingresso lavoratori extraUE 2017
2017circolare517Cipartizione dei flussi per ingresso lavoratori extraUE 2017
2017circolare3Imprese che hanno concluso accordi in sede governativa per l’accesso alla prosecuzione della CIGS
2017circolare2Ammortizzatori Sociali in Deroga e azioni di politica attiva
2016circolare42Call center, ricorso a strumenti di sostegno al reddito nel 2017
2016circolare41Ottava procedura di salvaguardia, istruzioni operative
2016circolare40Istanze per l’accesso ai trattamenti di sostegno al reddito in favore dei lavoratori per il sisma 2016 – integrazione alla circolare 38
2016circolare38Indicazioni operative sugli interventi in favore dei lavoratori per il sisma 2016
2016circolare37ExtraUE stagionali – condizioni d’ingresso e soggiorno
2016circolare35Integrazione salariale straordinaria a favore delle imprese operanti in un’area di crisi industriale complessa
2016circolare34Ammortizzatori Sociali in Deroga, ampliamento delle risorse
2016circolare33DURC online: indicazioni operative
2016circolare30CIGS per le imprese operanti in un’area di crisi industriale
2016circolare29Al via l’attività dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro
2016circolare28Indirizzi operativi per la redazione di specifiche procedure per la scalata, l’accesso, lo spostamento, il posizionamento, nonché per il recupero del lavoratore non più autosufficiente: prevenzione del rischio di caduta dall’alto nelle attività non configurabili come lavori sotto tensione su elettrodotti aerei
2016nota4665Comunicazioni obbligatorie (COT) - nuovi standard tecnici
2016nota14773Competenza territoriale in materia di vigilanza – indicazioni operative
2016nota15764Depenalizzazione – calcolo delle sanzioni per illeciti commessi prima del 6 febbraio 2016
2016circolare27Verifiche ispettive durante il procedimento di concessione della CIGS
2016circolare26Linee guida per le funzione di controllo del Fondi di solidarietà per i settori Somministrazione e Artigianato
2016circolare25Provvidenze a favore del personale in servizio, di quello cessato dal servizio e delle loro famiglie – Nuove linee guida
2016circolare24Ulteriori chiarimenti su CIGS per imprese in fallimento e procedura concorsuale (v. anche cir. 1/2016)
2016nota5113Modalità di versamento del contributo esonerativo addetti lavorazioni con tasso INAIL pari o superiore al 60 per mille
2016nota14775Applicazione Ccnl nell’ambito degli appalti pubblici
2016circolare23Istruzioni per l’esecuzione in sicurezza di lavori su alberi con funi
2016circolare22Criteri per l’autorizzazione di un ulteriore periodo di CIGS
2016circolare21Rinnovo dell’autorizzazione per lavori sotto tensione
2016circolare18Modalità di statisticazione degli interventi di patrocinio nei confronti dei cittadini emigrati
2016circolare17Lavoratori destinatari del trattamento CIG nel settore agricolo
2016circolare16Trattamento speciale di disoccupazione per lavoratori licenziati da imprese edili
2016circolare15Sostegno al reddito a favore dei lavoratori del settore call-center
2016circolare12La nuova procedura telematica per le dimissioni e le risoluzioni consensuali
2016circolare11Ripartizione territoriale dei flussi di ingresso 2016
2016circolare10Fondi paritetici interprofessionali
2016circolare8Ulteriori precisazioni sui contratti di solidarietà difensivi
2016circolare6Depenalizzazione di violazioni in materia di lavoro – indicazioni operative
2016circolare4Ammortizzatori sociali in deroga – chiarimenti sulla normativa
2016circolare3Le nuove collaborazioni dal 1° gennaio 2016 – indicazioni operative per il personale ispettivo
2016circolareflussi 2016Le quote 2016 per l’ingresso di lavoratori stagionali e autonomi e per le conversioni dei p.s.
2016circolare1Fruizione della CIGS da parte di lavoratori di imprese soggette a procedura concorsuale
2015circolare36Settima procedura di salvaguardia - istruzioni operative per le Direzioni territoriali del lavoro
2015circolare35Chiarimenti sui Lavori socialmente utili
2015circolare34Politiche Attive – prime indicazioni operative
2015circolare32Contribuzione ai fondi di solidarietà
2015circolare31Indennità riconosciuta in favore dei lavoratori del settore dei call-center
2015circolare30Ulteriori precisazioni in materia di CIGS
2015circolare28Progetti di attività e lavori socialmente utili
2015circolare27Indennità di disoccupazione ASpI per i lavoratori sospesi
2015circolare26Revisione del regime delle sanzioni in materia di lavoro
2015circolare25Riduzioni contributive per i contratti di solidarietà
2015circolare24Primi chiarimenti in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro
2015circolare22Verifiche periodiche all. VII del D.L.vo n. 81/2008 – possesso dei requisiti per l’attività di verifica
2015circolare21Iscrizione fisioterapisti all’Albo dei terapisti della riabilitazione non vedenti
2015circolare19Prime indicazioni sulla nuova procedura semplificata di rilascio del DURC on-line
2015circolare15Presentazione istanze per la concessione degli sgravi contributivi per i contratti di solidarietà
2015circolare14Somministrazione transnazionale di lavoro - attività di vigilanza e campagne informative attività
2015circolare13Iscrizione Albo Professionale Nazionale dei centralinisti telefonici privi della vista - Indirizzi operativi relativi alla Legge 113 del 29 marzo 1985
2015circolare12Trattamento di CIGS – ambito di applicazione
2015circolare9Completamento delle proroghe a 24 mesi dei programmi di crisi per cessazione attività
2015circolare8Incremento del 10% per il contratto di solidarietà - anno 2015
2015circolare4Trattamento straordinario di integrazione salariale per le imprese sottoposte a procedure concorsuali
2015circolare1CIGS per cessazione aziendali a 24 mesi
2014circolare32Deroga al limite dei 36 mesi nel quinquennio nei contratti di solidarietà
2014circolare31Regolarizzazione di istanze alla concessione degli sgravi contributivi per i contratti di solidarietà
2014circolare30Ammortizzatori sociali in deroga per il 2015
2014circolare28procedure di concessione del contributo di solidarietà (annulla cir.26/2014)
2014circolare27VI procedura di Salvaguardia
2014circolare26procedure di concessione del contributo di solidarietà
2014circolare23concessione delle riduzioni contributive per i contratti di solidarietà
2014circolare22sospensione degli obblighi occupazionali in presenza di procedura ex art. 4, commi 1 – 7 ter della legge n. 92/2012
2014circolare19Ammortizzatori in deroga – criteri per la concessione delle prestazioni
2014circolare18JOBS ACT - contratto a tempo determinato, somministrazione di lavoro e contratto di apprendistato - indicazioni operative per il personale ispettivo
2014circolare14modalità operative per la detassazione 2014
2014circolare10procedura di salvaguardia: istruzioni operative per le DTL
2014circolare09i chiarimenti in merito all’obbligo del certificato penale in caso di rapporto di lavoro con minori
2014circolare06interpretazione del codice di comportamento del personale ispettivo
2014circolare05le nuove sanzioni in materia di orario di lavoro e riposi
2013circolare45obbligo di abilitazione all’uso delle macchine agricole
2013circolare44schema di Istanza per i lavoratori c.d. salvaguardati
2013circolare43diritto di accesso alle dichiarazioni rilasciate dai lavoratori in sede ispettiva
2013circolare40certificazione dei crediti e rilascio del DURC
2013circolare36primi chiarimenti in materia di semplificazione DURC
2013circolare35la circolare sul Decreto Lavoro
2013circolare34agevolazioni per le assunzioni di ‘over 50′ disoccupati e donne
2013circolare31problematiche di sicurezza dei carrelli semoventi
2013circolare30problematiche sulla sicurezza delle macchine
2013circolare33accordi collettivi ex lege n. 223/1991 e prepensionamenti
2013circolare27modalità operative di comunicazione della “chiamata”
2013circolare24incentivi all’uscita anticipata dei lavoratori con maggiore anzianità
2013circolare19lavoratori c.d. salvaguardati – schema di istanza
2013circolare18modalità di effettuazione delle verifiche periodiche
2013circolare15Detassazione 2013
2013circolare14call center e collaborazioni coordinate e continuative
2013circolare12attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori
2013circolare10nuova disciplina per gli istituti di patronato e di assistenza sociale
2013circolare09modalità di effettuazione delle verifiche periodiche
2013circolare07ulteriori chiarimenti in materia di co.co.pro.
2013circolare06Lavoratori "Salvaguardati"
2013circolare05chiarimenti in materia ispettiva nei rapporti di Apprendistato
2013circolare04i chiarimenti sul Lavoro Occasionale Accessorio
2013circolare03chiarimenti sulla procedura di conciliazione in caso di licenziamento per motivi economici
2013circolare01chiarimenti sulla diffida accertativa
2012circolare32chiarimenti sulla verifica della genuinità delle partite IVA
2012circolare31Problematiche di sicurezza dei carrelli semoventi a braccio telescopico - requisito essenziale di sicurezza 4.2.2 dell'allegato I alla Direttiva 2006/42/CE
2012circolare30Problematiche di sicurezza delle macchine - Requisiti di sicurezza delle prolunghe applicate alle forche dei carrelli elevatori cosiddette "bracci gru"
2012circolare29chiarimenti sulla genuinità delle collaborazioni coordinate e continuative a progetto
2012circolare27chiarimenti sullo “stop and go” nei contratti a tempo determinato
2012circolare26le indicazioni per i flussi di ingresso dei lavoratori non comunitari – anno 2012
2012circolare25requisiti di sicurezza delle macchine agricole semoventi-motoagricole
2012circolare24Divieto d'uso a seguito della decisione della Commissione Europea relativa al divieto di immissione sul mercato di accessori di taglio del tipo a flagelli per decespugliatori portatili
2012circolare23le modalità di effettuazione delle verifiche periodiche sulle attrezzature di lavoro
2012circolare20il lavoro intermittente alla luce delle modifiche apportate dalla Riforma del Lavoro
2012circolare19presentazione delle istanze per i lavoratori c.d. “salvaguardati”
2012circolare18Riforma del Mercato del Lavoro
2012circolare17contratto di trasporto – applicazione del regime di responsabilità solidale
2012circolare16lavoratori autonomi ed attività in cantiere
2012circolare15DPI per la protezione delle vie respiratorie da agenti biologici aerodispersi
2012circolare13Nozione organismi paritetici nel settore edile
2012circolare03intervento sostitutivo della stazione appaltante in caso di inadempienza
2012circolare02chiarimenti interpretativi sul c.d. Decreto Semplificazioni
2011circolare29T.U. apprendistato – regime transitorio e nuovo regime sanzionatorio
2011circolare28riduzione e semplificazione dei procedimenti civili
2011circolare27Collocamento obbligatorio e regime delle compensazioni
2011circolare25lavori di segheria del marmo e accesso anticipato al pensionamento
2011circolare24tirocini formativi
2011circolare23violazioni del Libro Unico del Lavoro
2011circolare22indicazioni operative per usufruire dei benefici previsti dal Decreto Legislativo n. 67/11
2011circolare21istanze per l’abilitazione alle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro
2011circolare20attività di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro
2011circolare05appalti e subappalti
2010circolare44sicurezza delle macchine agricole semoventi
2010circolare43versamento contributi agli Enti Bilaterali
2010circolare42salute e sicurezza nei luoghi di lavoro – lavori in ambienti sospetti di inquinamento
2010circolare41le novità sulla procedimentalizzazione dell’attività ispettiva
2010circolare39incentivazioni al reinserimento dei percettori di trattamento di sostegno al reddito
2010circolare38indicazioni operative sulla maxisanzione contro il sommerso
2010circolare35Durc – Determinazione AVCP n. 1/2010
2010circolare29Quesiti concernenti le norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota
2010circolare16chiarimenti interpretativi sull’applicazione dei ricorsi amministrativi
2010circolare09deleghe per la presentazione di istanze di CIGS
2010circolare02prospetto informativo per le assunzioni obbligatorie
2009nota19428Calcolo della sanzione per l'omessa fruizione del riposo settimanale
2009circolare36la Conciliazione monocratica, chiarimenti ed indicazioni operative
2009circolare33le modifiche al provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale
2009circolare30coordinatore per la progettazione e obbligo per cantieri non complessi
2009circolare22comunicazioni obbligatorie nel settore dello spettacolo
2009circolare21regolamento per il finanziamento degli istituti di patronato
2009circolare17infortuni sul lavoro – obbligo di comunicazione dei dati
2009circolare13la gestione dei rapporti di lavoro in somministrazione
2009circolare12autorizzazione attività di ricerca e selezione e ricollocazione
2009circolare10istruzioni per l’invio telematico delle autocertificazioni DURC
2009circolare06ripartizione territoriale delle quote lavoratori extracomunitari anno 2008
2009circolare01generatori di vapore – ammissibilità regime di assistenza non continua
2008circolare34chiarimenti sulla procedura per l’emissione del DURC
2008circolare32ripartizione delle quote relative ai Flussi 2007 non ancora assegnate
2008circolare30chiarimenti in materia di sospensione dell’attività imprenditoriale
2008circolare27chiarimenti interpretativi sull’apprendistato professionalizzante
2008circolare25abrogata la normativa sull’elenco per il personale artistico e tecnico
2008circolare20Libro unico del lavoro e attività ispettiva, prime istruzioni operative
2008circolare14differimento comunicazioni obbligatorie on-line per la gente di mare
2008circolare13chiarimenti sulle novità del contratto a tempo determinato
2008circolare08trasformazione delle co.co.co. in rapporti di lavoro subordinato
2008circolare07validità dei contratti a chiamata e somministrazioni a tempo indeterminato
2008circolare05chiarimenti sul rilascio e sul contenuto del DURC
2008circolare04indicazioni per interpretare la genuinità del contratto a progetto
2008circolare03termini entro cui effettuare i corsi di formazione previsti dal DLvo 626/94
2007circolare24indicazioni sul provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale
2007circolare20organizzazione del mercato del lavoro – regimi autorizzatori
2007circolare15procedure assunzione neocomunitari nei settori marittimo e pesca
2007circolare08libera circolazione per lavoratori neocomunitari nel settore marittimo
2007circolare05imprese autorizzate alla costruzione di ponteggi metallici
2007circolare04aspetti di sicurezza nel settore edile
2007circolare03dispositivi di sicurezza nei trattori agricoli
2007circolare02libera circolazione nello spettacolo per romeni e bulgari
2006nota3851Min.Lavoro: lett.cir. 3851/2006 – appellabilità delle sentenze in materia di Ordinanza Ingiunzioni
2006nota3507termini per la contestazione delle sanzioni amministrative
2006circolare29cantieri edili, indicazioni operative
2006circolare21libera circolazione per i lavoratori neocomunitari
2006circolare17attività di vigilanza per i co.co.pro. nei call center
2006circolare15proroga del regime transitorio per i lavoratori neocomunitari
2006circolare10poteri e vincoli delle decisioni dei Comitati Regionali
2006circolare09diffida in materia di sicurezza sul lavoro
2006circolare07disposizioni sui flussi 2006 per lavoratori extracomunitari
2005nota2988lavoratori autonomi senza dipendenti e DURC
2005nota2127rimborso delle sanzioni indebite
2005nota2079chiarimenti sui limiti di età e zone di assunzione per gli apprendisti
2005nota2047cronotachigrafo digitale – gli obblighi degli autotrasportatori
2005nota986ulteriori chiarimenti sulla diffida accertativa
2005nota896termini per il procedimento di irrogazione sanzioni amministrative
2005circolare35omnicomprensività del trattamento economico per i dirigenti pubblici
2005circolare30circolare operativa sull’apprendistato professionalizzante
2005circolare29controlli sulle piattaforme di lavoro elevabili
2005circolare28distacco di personale e cassa integrazione guadagni
2005circolare11sicurezza antiribaltamento nei trattori agricoli
2005circolare9Sportello Unico per l’Immigrazione - Ulteriori immediate indicazioni
2005circolare08orientamenti ministeriali sull’orario di lavoro
2005circolare07somministrazione di lavoro
2005circolare04lavoro intermittente
2005circolare02neocomunitari – flussi per lavoro 2005
2005circolare01extracomunitari – flussi per lavoro 2005
2004circolare49 il diritto d’interpello
2004circolare48chiarimenti operativi sulla Certificazione
2004circolare42art. 1 del decreto legge 5 ottobre 2004, n.249
2004circolare41Applicazione delle misure di incentivazione del raccordo pubblico e privato di cui all’articolo 13 del decreto legislativo n. 276 del 2003.
2004circolare40il nuovo contratto di apprendistato
2004circolare39applicazione del D.L. 249/04
2004circolare36 Piattaforme sviluppabili su carro munite di portelli di accesso sollevabili verso l’alto non conformi ai requisiti di sicurezza – Necessità di adeguamenti costruttivi -
2004circolare31Contratti di inserimento lavorativo
2004circolare30Organizzazione e disciplina del mercato del lavoro: regimi autorizzatori e trasparenza del mercato del lavoro
2004circolare28Autorizzazione alla costruzione ed all’impiego di ponteggi metallici fissi – Chiarimenti concernenti le tolleranze dimensionali dei profili cavi.
2004circolare27Rettifica della circolare n. 25/04 in materia di Agenzie per il lavoro
2004circolare25Agenzie per il lavoro
2004circolare24D.lgs. n. 124 del 23 aprile 2004. Chiarimenti e indicazioni operative
2004circolare15Procedura operativa per l’utilizzo dell’applicazione di gestione delal richiesta di autorizzazione al lavoro dei lavoratori neo comunitari
2004circolare11Autorizzazione alla costruzione ed all’impiego di ponteggi metallici fissi.
2004circolare10disciplina del socio-lavoratore
2004circolare09lavoro a tempo parziale
2004circolare04Modifica dell’articolo 3 del decreto legge 22 marzo 1993, n. 71 (articolo 10, legge 14 febbraio 2003, n. 30)
2004circolare03distacco. Art. 30 d.lgs 276/2003
2004circolare01Disciplina delle collaborazioni coordinate e continuative nella modalità c.d. a progetto.
2003circolare41tipologia dei soggetti promotori, ammissibilita’ delle spese e massimali di costo per le attivita’ cofinanziate dal fondo sociale europeo nell’ambito dei programmi operativi nazionali (p.o.n.)
2003circolare37adempimenti connessi alla assunzione di lavoratori e cessazione dei rapporti di lavoro – aspetti sanzionatori
2003circolare35contratti di solidarietà - criteri per la concessione del trattamento di integrazione salariale
2003circolare33Modalità applicative per la tenuta dei libri paga e matricola.
2003circolare30Chiarimenti concernenti la definizione di "fabbricante" di ponteggi metallici fissi
2003circolare27Decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66 Art. 4, comma quinto, inerente gli obblighi di comunicazione
2003circolare25Programmazione transitoria dei flussi d’ingresso dei lavoratori extracomunitari nel territorio dello Stato per l’anno 2003
2003circolare20Chiarimenti in relazione all'uso promiscuo dei ponteggi metallici fissi
2003circolare15Autorizzazione alla costruzione ed all’impiego di ponteggi metallici fissi.
2003circolare13Emersione lavoro irregolare di extracomunitari. Cessazione dell'originario rapporto di lavoro prima della conclusione della procedura di regolarizzazione. Instaurazione nuovo rapporto di lavoro.
2003circolare12Modalità di assunzione e profilo sanzionatorio.
2003circolare10modifiche al D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445
2003circolare08Nuovi criteri per la concessione dei trattamenti di integrazione salariale
2003circolare04Progetti di azioni positive per la flessibilità
2003circolare03proroga termini e programmazione flussi d'ingresso dei lavoratori extracomunitari nel territorio dello Stato per l'anno 2002
2003circolare105 Incentivi per la stabilizzazione di lavoratori socialmente utili con contratti di collaborazione coordinata e continuativa
2002circolare42Decreto legislativo n. 368/2001, recante la nuova disciplina giuridica sul lavoro a tempo determinato. Prime indicazioni applicative
La Redazione

Autore: La Redazione

Condividi questo articolo su